Commenta per primo
Atalanta-Crotone 5-1
 
Sportiello 6,5: dopo essere stato in vacanza, a tu per tu con Simy, viene scavalcato dalla punta del Crotone ma è eccezionale su Messias, accompagna la sua corsa e tocca col guanto il pallone al momento giusto evitando un gol fatto. Esce prontamente ed evita il gol di Messias su regalo di Ilicic. Bene.

Djimsiti 6,5: torna dalla squalifica per servire a Gosens gli assist giusti per i suoi guizzi. Resta fuori diverso tempo per un brutto colpo al naso e perde una palla rischiosa a favore di Riviere. Ma ha il setto nasale rotto e continua comunque a giocare, 
Romero 5,5: interrompe i pochi passaggi in velocità del Crotone. Va molto meglio con i piedi che con le parole, non comunica con Freuler e regala a Simy la palla del pari. In parte si fa perdonate duellando con Simy e trovando il modo per anticiparlo.
 
(Dal 24’ s.t. Caldara 6: fa il suo, ma spera di ritrovare i 90').
 
Palomino 7: sbaglia la misura di alcuni passaggi e rischia sul raddoppio di Messias che lo beffa e corre verso l’area. Al 3’ della ripresa sul secondo palo imbocca in rete il tap-in vincente anticipando Zanellato e riportando in vantaggio la Dea. 
 
Maehle 6,5: negli 1 contro 1 con Reca non vince sempre, ma la sfera viaggia sulla destra e così tante azioni da gol.
 
Pessina 6,5: conquista diversi falli e ripartenze a favore della Dea, ma Reca gli prende bene le misure e con Zanellato non ha vita facile. Lotta su tutti i palloni.
 
Freuler 5,5: il capitano diffidato non viene risparmiato per l’Inter e mister Gasp fa bene: è lui che recupera palla e fa partire l’azione che dà vita al primo gol di casa. Poi però non si intende con Romero e passa a Simy la palla del pareggio ospite, un gol che pesa.
 
(Dal 18’ s.t. Pasalic 6: serve a Zapata diverse buone sfere, bene). 
 
Gosens 7: carica il sinistro regalando la prima palla gol all’Atalanta, ma non mira lo specchio anche se calcia di collo pieno. Deve aspettare solo pochi minuti per raggiungere Zapata a quota nove gol in Serie A realizzando di zucca da vera punta dopo aver beffato Pereira. Continua a correre e servire cross preziosi per i colleghi.
 
(Dal 40’ s.t. Ghislandi 6: fa il suo servendo buone sfere senza sbagliare mai. Bell'esordio, benvenuto!).
 
Malinovskyi 6: interviene senza commettere fallo e recupera diverse sfere, sorprende Magallan quando calcia. Zanellato gli dà del filo da torcere. Richiamato dall’arbitro, al 41’ p.t. va da solo e ci prova col mancino. Di zucca non trova lo specchio.
 
(Dal 18’ s.t. Miranchuk 6,5: pronti, via, riceve sui piedi il pallone della manita che con sufficienza manda in malora a lato della porta.Ma la cinquina arriva poco dopo, quando raccoglie la sfera di Zapata e scaglia in rete senza sbagliare).
 
 
Ilicic 7,5: non giocava da trasferta di Cagliari, beffa Luperto e cerca il feeling con Muriel, si accentra ma i suoi tiri sono telefonati al portiere. Se la cava meglio negli assist, come quello al bacio dalla destra per Gosens dopo aver ubriacato Riviere. Sempre pericolosissimo quando si smarca e prova da fuori d’esterno. Spalanca la porta a Malinovskyi servendogli una sfera d’oro, ci prova anche di destro ma non prende la mira. Dalla sua palla in verticale, l’azione del tris di Muriel. Poi finalmente arriva anche il suo gol: guadagna un metro dopo l’altro palla al piede e fa partire il suo sinistro a giro che centra il sette. Unico neo la leggerezza con cui perde la sfera a favore di Messias.
 
Muriel 7,5: lanciato da Cosmi cerca un varco nel muro bianco, trova diversi corner preziosi liberandosi dei difensori, batte dalla bandierina buone palle tese. Si allarga a sinistra. Faccia a faccia con Cordaz, spreca un’occasione gigantesca facendosi fermare dal portiere del Crotone. Di controbalzo cerca di battere Cordaz ma non ce la fa per un soffio, serve un assist d’oro a Malinovskyi. Gol sbagliato, gol subìto. Si fa perdonare nel secondo tempo servendo prima l’assist dalla bandierina per Palomino e poi scavalcando Golemic per il tris e la sua quindicesima rete.
 
(Dal 24’ s.t. Zapata 6,5: prende la traversa, entra bene e in grinta e serve l’assist a Miranchuk).
 
 
All. Gasperini 7: ritmi piuttosto alti contro Serse Cosmi. Irritato dopo il pari, “così rovianiamo le partite” ha strepitato, chiede a Malinovskyi di trovare il corridoio dentro l’area. La sua Dea soffre il contropiede. Al break striglia per bene i suoi che rientrano in campo con un altro spirito e segnano un gol dopo l’altro senza sbavature.