62
L'Atalanta non molla, cerca un rinforzo di primissimo piano per la difesa e lo ha individuato in colui che a Bergamo è cresciuto ed esploso: Mattia Caldara. Il club nerazzurro sta provando con ogni mezzo a regalare a Gian Piero Gasperini un giocatore che conosca già i suoi metodi e schemi, che possa integrarsi al meglio anche in vista della Champions League e ha riavviato i contatti con il Milan per capire la fattibilità di una trattativa che, però, parte già in salita.

DUE PROBLEMI - Il primo ostacolo da superare è l'ingaggio da oltre 3 milioni di euro percepito da Caldara in rossonero, ma i problemi legati all'eventuale operazione sono due e sono di primissimo piano. La prima è di tipologia economica e riguarda il valore residuo del cartellino nel bilancio del Milan che è di circa 25 milioni di euro. Tanti, troppi per poterlo riacquistare a cuor leggero. Il secondo, forse più importante, è la volontà della società di via Aldo Rossi che ancora considera Caldara un giocatore di grande valore e non vuole lasciarlo partire. Il Milan, insomma, è disposto ad aspettarlo e solo davanti a un'offerta folle lo lascerebbe partire..