Commenta per primo

Si raffredda la pista Canini dopo le dichiarazioni rilasciate lunedì dal suo agente, Contratto, che ha escluso una partenza del giocatore, sulle cui tracce si è mosso pare con una certa decisione anche il Genoa. L'Atalanta lavora comunque sottotraccia per cercare di trovare uno spiraglio, ma la trattativa con il Cagliari non è delle più agevoli. Monitorato Raggi, che potrebbe rescindere col Palermo. Smentito l'interesse per Leandro Rinaudo del Napoli (le condizioni fisiche sono un punto di domanda). 

Si lavora a fari spenti anche per l'attacco: individuati 3-4 nomi per una seconda punta straniera, mentre per la prima punta si aspettano condizioni in linea con parametri da Atalanta, discorso che vale soprattutto per l'ingaggio. Ma giocatori come Amauri, Bianchi, Denis o Floro Flores, che in questo momento sembrano irraggiungibili, tra qualche settimana potrebbero diventare obiettivi concreti. Non bisogna aver fretta. 

Seguito anche Cacia, che non resterà a Lecce, è stato proposto l'uruguaiano Joaquin Boghossiandel Salisburgo che però non interessa. Lunedì Zamagna ha incontrato il presidente del Foggia Casillo per Molina e Tiboni, ma non c'è ancora accordo sulla formula (prestito e non comproprietà).

Oggi nuovo incontro a Firenze per Colombi e Scozzarella con la Juve Stabia che è interessata anche a Bjelanovic. Infine, è ufficiale il passaggio di Ruopolo, al Padova a titolo definitivo. 

L'Atalanta ha ricevuto buone notizie dalla Coppa America, per motivi differenti. È vero che Carmona è stato eliminato a sorpresa dal Venezuela, ma ciò vuol dire che il cileno potrà raggiungere in anticipo rispetto alle previsioni il ritiro di Rovetta. Quando con precisione ancora non si sa, ma la società si è già messa al lavoro per fissare la data del rientro. 

L'altra buona notizia è che Barreto ha recuperato dall'infortunio al piede ed è tornato con il Brasile entrando dopo un'ora di gioco e compensando il rigore sbagliato alla fine con un salvataggio provvidenziale sulla linea. La sua Coppa America continua, ma ciò che più interessa agli atalantini è che l'infortunio è già stato lasciato alle spalle. 

Al mattino si suda senza palla, al pomeriggio si suda con la palla. Comunque a Rovetta si suda. Ma il gruppo sta rispondendo bene. Solo Bellini (lunedì lavoro in piscina) è out, nel pomeriggio la squadra ha lavorato divisa in tronconi e primi accenni di difesa con Lucchini che sembra già aver scalato posizioni, visto che è stato schierato nella linea con Raimondi, Capelli e Peluso, dunque molto vicina a quella ipoteticamente titolare. Registrata la staffetta verde con Milesi che ha preso il posto di Esposito, oggi e domani si continua con una doppia seduta (10 e 17).