E’ uscita oggi nell’inserto L’Economia del Corriere della Sera un’intervista all’imprenditore e patron dell’Atalanta Antonio Percassi. Si parla soprattutto di Starbucks, nota azienda americana di caffè di cui Percassi è il licenziatario unico in Italia. Starbucks ha da poco aperto il primo punto vendita italiano a Milano. A proposito di ciò, Percassi racconta: “Presto apriremo altri quattro punti vendita a Milano, vedremo se il brand può essere competitivo e se interessa le persone”.

SULL’ECONOMIA ITALIANA – “Dipende dalla politica e in questo momento tutte le istituzioni internazionali stanno guardando l’Italia con attenzione. E’ un periodo delicato per l’Italia, speriamo che vada tutto bene”.

SULLA SUA AZIENDA, ODISSEA – “Abbiamo una buona reputazione finora. Se sbagli, però, sei finito, perché i direttori generali delle multinazionali si conoscono tutti fra di loro”.

SULLE CHIUSURE DOMENICALI DEI NEGOZI - "Provocheranno licenziamenti. Il 20-25% dei ricavi dei centri è realizzato la domenica".

SU BENETTON – “Vedevo le file davanti ai negozi. Ho deciso di investire tutto quello che avevo risparmiato con il calcio nell’apertura del primo Benetton a Milano. Avevo 23 anni”.

SUL RITIRO DAL CALCIO GIOCATO – “Qualche mese dopo il mio ritiro sono venute tre-quattro squadre a chiedermi di rientrare, ma durante il colloquio con una abbastanza importante ho capito che non mi interessava più”.
Il calcio rimane comunque la più grande passione di Antonio Percassi: “Ti fa fare cose che per un’altra azienda non faresti mai”.

Su un’ipotetica futura cessione dell’Atalanta dice: “Non ci abbiamo mai pensato”.

SU COME E’ CAMBIATO IL CALCIO – “Anche ai miei tempi per essere calciatori era un bel vivere, ma i contratti erano di anno in anno: se andavi bene eri confermato, altrimenti toccava a te trovare una squadra. Non come adesso, contratti di tre, quattro, cinque anni…Ma è una altro mondo a livello internazionale, con l’arrivo dei russi, dei cinesi, degli arabi. E’ giusto così”.

SULL’ATALANTA – “Speriamo di salvarci. Piena fiducia in Gasperini, abbiamo appena rinnovato il contratto, rimarrà con noi”.

SULL’EUROPA LEAGUE – “Siamo usciti immeritatamente, sono dispiaciuto”.

Percassi conclude l’intervista parlando del suo costante investimento nei giovani italiani: “Penso sia importante e nel nostro paese ce ne sono molti”.