31
Ci sono voluti 45 minuti di grande equilibrio ed occasioni prima che l'Atalanta facesse l'Atalanta e trovasse il modo di sbloccare la gara contro uno Spezia combattivo e agguerrito ma che, nei secondi 45 minuti, si è lentamente arreso alle magie dei ragazzi terribili di Gian Piero Gasperini bravi a sbloccare e dilagare con la doppietta di Pasalic e il gol di Muriel che rendono inutile la rete di Piccoli.

In apertura la scelta forzata di lasciare in panchina Duvan Zapata non premia per Gasprini dato che i suoi prima con Pasalic e poi con Ilicic in serata no non riescono a superare un non perfetto Zoet e così l'azione più pericolosa della prima frazione arriva sui piedi di Ricci il cui tiro a botta sicura è neutralizzato da uno Sportiello in versione muro.

Nella ripresa il copione cambia e l'Atalanta, che perde Djimsiti per infortunio, la sblocca con Pasalic bravo a controllare un assist arretrato di Ilicic e battere Zoet all'angolino. Muriel, fino a quel momento in ombra, si accende in un amen e trova subito il raddoppio con un destro morbido a giro che batte ancora un mal posizionato Zoet.

Gasperini cambia, manda in campo Zapata e Mainovskyi, ma subisce un piccolo contraccolpo con Marchizza che dal limite manda alto dopo una bella azione manovrata dello Spezia. Nel miglior momento degli ospiti, però, Ricci perde palla al limite dell'area e consente a Zapata di imbeccare ancora per Pasalic bravo a chiudere i conti e la partita. Il gol di Piccoli, ex della gara, è infatti un fuoco di paglia che non porta altri pericoli seri verso la porta di Sportiello

L'Atalanta torna quindi a vincere dopo la sconfitta subita dall'Inter e si riporta momentaneamente al 3° posto agganciando la Juventus e a +2 sulla Roma in attesa delle rispettive gare. Un messaggio importante dato al campionato, ma anche al Real Madrid, contro cui martedì in Champions proverà a ribaltare l'1-0 subito all'andata.