1
Giorgio Gori, sindaco di Bergamo, in un’intervista rilasciata a Marca, dice la sua sul legame tra il coronavirus e Atalanta-Valencia, andata degli ottavi di finale di Champions League: “Una bomba biologica. In quel momento non sapevamo cosa stesse succedendo. Il primo paziente in Italia è venuto fuori il 23 febbraio. Se il virus era già in circolazione, i quarantamila fan che andarono allo stadio di San Siro erano infetti. Nessuno sapeva che il virus fosse già tra noi. Sicuramente quella notte i contatti sono stati tanti. Ma non c’entra con l’epidemia della città solo la partita. Perché è nato tutto dall’ospedale di Alzano Lombardo, con un paziente con polmonite non riconosciuta e che ha infettato pazienti, medici e infermieri”.