2
Atalanta-Young Boys 1-0
 
ATALANTA
 
Musso 6,5: attento e puntuale nelle uscite, si fa trovare pronto sul missile improvviso da fuori di Garcia, ferma tutte le insidie tra i guantoni.
 
Toloi 7: il capitano apre e chiude le azioni della squadra, inserendosi a sorpresa tra le linee, serve l’assist del gol annullato perché in fuorigioco. Calibra male alcuni passaggi in area ma in difesa è un leone e salva tutto.
 
Demiral 6,5: marca stretto Elia, poi passa a Siebatcheu, che fatica a passare da lì.
 
Djimsiti 6: una morsa su Elia, ma al 28’ lui fa i bagagli e parte per la porta senza di lui, sfiorando il gol. Si riscuote e cresce man mano che i minuti passano. 
 
Zappacosta 6,5: la maggior parte delle azioni passa come sempre dalla sua fascia, anche perché Gosens ha alzato bandiera bianca, Garcia gli tiene il passo ma quando si trasferisce sulla sinistra sconvolge i piani dello YB e di Hefti.

(Dal 45' st Pezzella: sv).
 
de Roon 6: al centro della mediana fa il lavoro sporco, quando serve arretra per dare una mano ai colleghi nelle risalite di Elia, bene.
 
Freueler 6,5: li conosce bene gli svizzeri e si vede, la sua presenza è uno spartiacque per Sierro e Aebischer.
(Dal 45' st Koopmeiners: sv).
 

Gosens 6: allungo fatale, si infortuna subito disperandosi ed esce in lacrime.
 
(Dall’11’ p.t. Maehle 6,5: sulla fascia sinistra, con un paio di lanci lunghi pesca Pessina in area e non desiste dal metterci la gamba per fermare Aebischer. Ci prova anche da fuori area ma pecca di precisione. Al 37’ p.t. il mister lo sposta sulla destra e viaggia ancora meglio).
 
Pessina 7,5: Martins non lo fa passare, spreca sotto porta un paio di occasioni d’oro fino al 23’ st, quando raccoglie con la cattiveria giusta il cross basso di Zapata e gonfia la rete per una vittoria che rimarrà nella storia.
 
(Dal 29’ st Pasalic 6: porta la freschezza che serve).
 
Malinovskyi 6,5: dal suo mancino su calcio piazzato arriva l’occasione migliore della prima mezzora, il gol annullato, batte bene i corner, si abbassa a difendere e salvare in corner, è ovunque.
 
(Dal 29’ st Muriel 6: entra e mangia Camara sfiorando due volte il bis, bentornato).
 
Zapata 7,5: attira su di sé le attenzioni di Martins, Hefti e poi Camara, lui fa a spallate, si guadagna spazio e spezza l’area. Il digiuno in Champions dura dal 27 ottobre, doppietta all’Ajax, ma il suo assist a Pessina vale un gol: cross basso perfetto dopo un’azione personale da applausi. Migliore in campo.
 
All. Gasperini 7: la sua Dea parte bene, quando si spegne gira gli esterni e riprende a giocare. Manca sempre il cinismo sotto porta, finché non toglie le pettorine a Muriel e Pasalic e la Dea come da tradizione segna. Poi gestiscono e soffrono, portando a casa una vittoria da big che rimarrà negli annali.
 
 
 
YOUNG BOYS
 
Von Balmoos 6: incolpevole sul gol annullato, chiama la sfera, mette pressione al tridente orobico ed è saldo q.b. con i suoi guantoni rosa sull’affondo di Pessina. Si supera al 16’ s.t. su Zapata e Zappacosta ma non può nulla su Pessina da due passi.
 
Hefti 5: sconvolto dal trasferimento di Zappacosta sul suo out, l’atalantino gli mangia diversi metri, passano anche Zapata e Zappacosta e al 23’ st è la volta di Pessina, che non sbaglia sotto porta.

(Dal 37’ st Maceiras 6: fa meglio del compagno, ma è troppo tardi).
 
Camara 5,5: al quarto d’ora si pianta fisso sul panterone dopo che i compagni prima di lui avevano fallito nel compito. Lo limita come sa fare e salva anche in angolo un gol fatto di Zapata. Ma al 23’ st è troppo stanco per ripetersi, Zapata passa e realizza l’assist della partita.
 
Lauper 5,5: la manda nella rete sbagliata per il gol poi annullato, va un po’ in confusione.
 
Garcia 6,5: riesce a limitare la furia di Zappacosta, che poi si trasferisce sull’altro versante, fa partire un missile da fuori area che non va troppo distante dalla rete.
 
Aebischer 6: trait d’union tra mediana e attacco, impensierisce Freuler scardinando le linee ma non riesce mai ad andare fino in fondo.
 
(Dal 37’ st Spielmann: sv).
 
Martins 6,5: il frangiflutti perfetto dei gialloneri, non fa passare mai Pessina quando scappa in profondità, è l’uomo in più.
 
Sierro 6: alza il baricentro dei suoi e avvia diverse ripartenze, salva sulla linea.
 
(dal 24’ st Mambimbi 6: regala equilibrio alla squadra che però deve proiettarsi verso l'area piccola, ma lui preferisce gestire e non incide).
 
Elia 6: al 28’ è bravo a scappare dalla doppia marcatura di Djimsiti e Demiral ma sbaglia un gol fatto a pochi passi dalla porta. Un corridore, è lui che fa lavorare di più la difesa orobica ma è poco cinico.
 
(Dal 20’ s.t. Rieder 5,5 non conviene, spreca diversi palloni e sbaglia alcuni appoggi.
 
Ngamaleu 5,5: parte a razzo ma sul più bello si perde, peccato.
 
Siebatcheu 5,5: per non dare riferimenti, Wagner gli chiede di stare nelle retrovie e infilarsi all’ultimo secondo, ma non spaventa più di tanto Musso.
 
(Dal 20’ s.t. Kanga 6: con lui in campo si riaccende un po' l'area piccola, ma manca l'ultimo passaggio).
 
 
All. Wagner 6: ha studiato bene l’Atalanta, l’aveva detto e si vede, cambia il suo 4-4-2 in 4-2-3-1 e costringe anche l’Atalanta ad alcuni rimaneggiamenti ma i suoi non resistono all'assalto nerazzurro oltre il 68' e forse alcuni cambi poteva anticiparli.