Un po' perché ha disputato un girone di andata al di là delle più rosee aspettative, un po' perché dopo sei mesi da numero 12 iniziano a circolare i primi malumori di Mattia Perin, un po' perché anche il profilo di Wojciech Szczesny è ancora sotto la lente dell'ingrandimento nella difficile gestione del dopo-Buffon. Un po' per tutti questi motivi, in questi giorni si è tornato a parlare di Emil Audero e della programmazione che la Juve sta facendo del suo presente, del suo futuro. Il portiere della Sampdoria dopo un'ottima stagione in B al Venezia si sta confermando ad alti livelli anche in serie A, la politica del farlo giocare con continuità è sicuramente quella giusta: questo è il primo punto da tenere in considerazione, considerando anche i suoi 22 anni da compiere solo venerdì prossimo (18 gennaio). Alla Juve in questo momento difficilmente potrebbe indossare la maglia numero uno, il suo però è un profilo tenuto in particolare considerazione come secondo di grande prospettiva, sfruttando anche il suo status di giocatore cresciuto nel settore giovanile per allungare la coperta in altri reparti e smettendo di utilizzare due slot preziosi per il ruolo del portiere. Che fare quindi in vista della prossima stagione? Una decisione in tal senso non è ancora stata presa, tutto può succedere: la Juve può decidere di fare cassa, di investire su di lui e lasciarlo crescere altrove, di riportarlo a casa. Molto dipenderà anche da cosa il mercato offrirà per Szczesny e, soprattutto, Perin: entrambi sono costati appena 12 milioni più bonus, offerte importanti verranno prese in considerazione soprattutto per l'ex genoano, anche in considerazione dell'esplosione di Audero.

LE VERE CIFRE – Non sarà in ogni caso gratis che la Juve potrà riportare Audero a Torino. In queste settimane stanno circolando cifre non corrispondenti alla realtà. La Sampdoria ha portato a Genova il portiere bianconero in prestito con diritto di riscatto, con la Juve che mentiene un'opzione per controriscattarlo. L'operazione ha visto la Samp versare già un milione nelle casse della Juve, per riscattarlo dovrà investirne altri 14, in tal caso il club bianconero dovrebbe tirarne fuori altri 6 per non perderlo. Cifre ufficiali pubblicate nella relazione finanziaria annuale della società bianconera, che ovviamente potrebbero essere riviste strada facendo dai due club. Senza fretta.