142
L'Ital-Juve ormai è un lontano ricordo. E negli ultimi anni anche il progetto di avere uno zoccolo duro della rosa bianconera dai forti connotati nazionali, ha lasciato spazio ad altre priorità. Resta però un obiettivo quello di ricostruirlo, non solo dettato da necessità di lista. Così, mentre il blocco azzurro si è ridotto ai minimi termini considerando come l'unico titolare sia Leonardo Bonucci, sul mercato si cercano elementi che possano andare a rimpolparlo. 

RECESSIONE – Nelle ultime due stagioni, infatti, la rosa ha visto diminuire ancora il numero di italiani a disposizione. In porta la staffetta tra Gigi Buffon e Mattia Perin, sulla fascia quella tra Leonardo Spinazzola e Luca Pellegrini che pure è volato subito via in prestito. Poi si è registrato il ritiro di Andrea Barzagli, oltre alla cessione di un comprimario come Stefano Sturaro e di una promessa come Moise Kean. A conti fatti oggi ci sono due portieri di riserva (anche Carlo Pinsoglio), tre difensori centrali (contando anche Giorgio Chiellini e il sempre partente ma mai partito Daniele Rugani) oltre a Federico Bernardeschi  e a quel Mattia De Sciglio già ceduto al Psg e poi ripreso per i capelli.
GLI OBIETTIVI – In mano c'è Riccardo Orsolini, con la Juve pronta a far valere quel gentlemen agreement col Bologna per riportarlo a Torino già in estate per 26 milioni, questa volta per tenerlo però. Una scelta che almeno per il momento potrebbe rimandare valutazioni sull'infortunato Nicolò Zaniolo e magari anche su Federico Chiesa, al centro dell'ennesimo duello di mercato con un'Inter attualmente in pole position. C'è poi Sandro Tonali in cima alla lista delle preferenze, al di là del sogno Paul Pogba è lui l'obiettivo numero uno per il centrocampo del futuro: costa 50 milioni, chi arriva prima dal Brescia con quella cifra vince, la Juve vuole vincere. Ma non ci si ferma qui: occhi puntati anche su Emerson Palmieri come alternativa o erede di Alex Sandro, aspettando di prendere una decisione su Luca Pellegrini. E in porta occhio a Gigio Donnarumma: il rinnovo di Wojciech Szczesny attende solo l'annuncio, ma sul mercato può sempre succedere di tutto, specie con la sponda di Mino Raiola.