93
Tiemoué Bakayoko non dimentica il Milan. Perché l'ex centrocampista rossonero ha mantenuto un legame fortissimo con molti compagni, gran parte della tifoseria, chi lo aveva scelto in dirigenza fino a non confermarlo dopo più di un episodio delicato nella seconda parte della scorsa stagione. I litigi con Rino Gattuso rimangono una ferita aperta, ma Bakayoko si è scusato e ha capito i propri errori, aver perso l'opportunità di giocare nel Milan gli fa ancora male. In sostanza, tornerebbe di corsa in rossonero per il presente e il futuro con pochi dubbi a riguardo.

Ascolta "Bakayoko, la verità sui litigi col Milan e il suo ritorno: quel blitz a San Siro negli spogliatoi..." su Spreaker.
IL RITORNO E SAN SIRO - Non è un caso che il francese sia spuntato a febbraio nella 'pancia' di San Siro, a salutare gli ex compagni negli spogliatoi dopo il derby perso contro l'Inter ma dove per 45 minuti si è rivisto un Milan a livelli importanti. Tiemoué ci ha tenuto a salutare tutti, a ricordare i momenti vissuti in rossonero, la maggioranza della tifoseria non ha dimenticato. E adesso? Il Monaco non è ancora certo del suo riscatto, lo vuole il Siviglia ma Bakayoko tornerebbe di corsa a vestire la maglia del Milan. Oggi c'è un'altra dirigenza, un altro allenatore e le scorie di quei momenti negativi ancora presenti nella testa di chi comanda. Ecco perché non è partita un'operazione-ritorno. Il francese gradirebbe, oggi ci si ferma qui. Ma in un mercato di idee e opportunità può succedere di tutto: fosse per lui, sarebbe già a Milano.