Commenta per primo

"Punti di riferimento". Giancarlo Abete appoggia il ct azzurro Prandelli sulla scelta di puntare su Cassano e Balotelli. Il presidente della Figc ha dichiarato ai microfoni di Radio RAI: "Prandelli aveva già detto che non appena Cassano si fosse messo nelle condizioni di essere valutato, sarebbe rientrato. Non dimentichiamo che si è fermato in Nazionale soltanto per l'amichevole contro la Romania quando eravamo nel pieno della complessa vicenda con la Sampdoria. Lui e Balotelli restano due punti di riferimento della Nazionale, ma come detto più volte c'è la necessità di avere rendimenti e comportamenti che devono assicurare una linea di continuità visto che sono due campioni, senza dimenticare che il calcio è un gioco di squadra e, al di là dei singoli, se non cresce tutta la squadra la competizione diventa complessa".

Campionato: "E' un torneo interessante, con molte squadre che possono dire la loro sul versante scudetto e sulla lotta per la Champions League. C'è un affollamento maggiore di potenziali società interessate a ottenere posizioni di vertice".
Coppe: "A febbraio riprendono Champions ed Europa League e bisogna stare attenti anche alla realtà internazionale perché se il 2010 è stato l'anno dei grandi successi dell'Inter, in generale c'è stata una perdita di competitività sia a livello di nazionale che di club".