61
A tutto Bartomeu. Il presidente del Barcellona, intervenuto in un'intervista a Sport, ha dichiarato: "Avremmo dovuto rinnovare Arthur, ma la situazione economica è difficile. Arthur aveva un'offerta molto buona, lo ha spiegato a noi e abbiamo notato che in quel club c'era un giocatore, Pjanic, che ci è interessato per tanto tempo. La decisione di lasciare il Barcellona è stata di Arthur. Perché qui non si era affermato come giocatore indiscutibile, lì pare gli garantiscano la titolarità e soprattutto uno stipendio triplicato. La tassazione italiana è più vantaggiosa, è per questo che parte".

SULLA CHAMPIONS - "Avevamo raggiunto l'accordo che fino alla fine della Champions avrebbe giocato per il Barça. E' un giocatore che ha una certa importanza nella squadra, potrebbe aiutarci. Ma non è tornato dalle mini-vacanze, è un atto di mancata disciplina inaccettabile. E' per questo che abbiamo aperto un procedimento contro di lui, non c'è nessun argomento che giustifichi la sua assenza". 

SUI MOTIVI DEL MANCATO RITORNO - "Ha chiamato Abidal, ma non ha dato motivi. Ha deciso di non tornare e che il suo tempo al Barcellona è finito. Immagino che abbia deciso di andare in Brasile e abbia prolungato la sua vacanza. Ma questo ci costringe ad aprire un procedimento disciplinare perché deve tornare al Barcellona finché termina la stagione. E' stato un patto tra i club".

SUL PROCEDIMENTO - "Bisogna analizzare cos'è successo per analizzare le cause. Occorre chiedere al giocatore e vedere che motivi fornisce. Se i motivi non sono giustificati, ci sarà una multa finanziaria. Se un lavoratore non lavora, non viene pagato. Ciò che ha fatto è mancanza di rispetto verso i compagni, la squadra vuole fare bene in Champions League. E' ingiustificabile e totalmente incomprensibile".
SUL PASSAGGIO ALLA JUVE - "E' stata una buona operazione economica. A livello sportivo vedremo, ma penso di si. Arthur era un buon giocatore, ma non indiscutibile. Era un buon 'numero dodici', ma la gestione sportiva ha preferito puntare su Pjanic. Non è solo un trasferimento economico, è una decisione sportiva".

SU MESSI - "Il contratto scade nel 2021, ma lui l'ha detto molte volte: vuole terminare la sua carriera al Barcellona. Ha ancora 3-4 anni di calcio".

SU LAUTARO - "Per diverse settimane il Barcellona ha parlato con l'Inter, ma i dialoghi ora sono fermi d'accordo con tv. La situazione non invita a fare grandi inversioni".