Il Barcellona annienta il Chelsea di Antonio Conte. Una vittoria, quella blaugrana, che porta la firma di Lionel Messi, e chi se no. E già al terzo minuto, la Pulga, apre le danze battendo Courtois: uno due fortunoso con Suarez, destro velenoso che batte Courtois sotto le gambe. 17 minuti dopo, Fabregas perde palla a centrocampo, Messi va in contropiede, allarga la palla sulla destra dove Dembele con il destro piega ancora una volta Courtois. Prima dell'intervallo, Marcos Alonso prende il palo su punizione, rischiando di aprire la gara. 

E nella ripresa? Altro Chelsea, più vivo, più cattivo, che reclama anche un rigore. Poi, però, sbuca ancora Messi: al 63esimo, su palla di Suarez, col sinistro beffa ancora Courtois sotto le gambe e raggiunge quota 100 gol in Champions League, secondo nella storia, dopo Cristiano Ronaldo. Antonio Conte va a casa, Ernesto Valverde ai quarti e ringrazia, ancora una volte, Lionel Messi.