2

Giornata campale in casa Bari. In conferenza stampa è intervenuto il direttore sportivo del Bari, Guido Angelozzi. L'ex ds dell'Andria ha escluso l'esonero del tecnico Torrente e ha aggiunto: "E' un brutto momento, ma riusciremo a venirne fuori. Siamo col tecnico e con i giocatori ed escludo in maniera categorica l'esonero di Torrente".

Dopo la conclusione del match contro la Pro Vercelli, il tecnico Torrente aveva parlato di tradimento dei giocatori e di vergogna per la prova offerta dalla sua squadra, cosi Angelozzi: "Torrente ha detto che si è trattato di uno sfogo momentaneo. Questa mattina c'è stata una riunione tecnica con la squadra e l'allenatore ha confermato d'essere con il gruppo e di sentire l'appoggio dei calciatori!".

Si va avanti con Torrente dunque, ma c'è chi ipotizza che il Bari non possa prendere un nuovo tecnico per non pagare un nuovo stipendio: "Sarebbe un'offesa verso l'attuale dirigenza. Non valutiamo l'esonero perchè pensiamo che l'attuale tecnico puo' portarci fuori da questa situazione. Torrente non è sotto esame e non abbiamo dato nessun ultimatum o scadenza. La squadra deve tirare fuori gli attributi".

La squadra è in crisi, e tanti potrebbero essere i motivi che hanno rotto "l'incantesimo". Su questo Angelozzi glissa: "Ci siamo fatti un'idea di quello che è successo, e abbiamo individuato i motivi di questa crisi ma preferiamo tenerceli per noi, sarebbe controproducente esternarli!".

Per molti tifosi sembra di rivivere l'ultima retrocessione del Bari dalla A alla B, con il mister Ventura protetto dalla società per troppo tempo: "Non facciamo parallelismi col passato - precisa Angelozzi - ogni stagione è diversa dall'altra!".

Chiosa finale su Nicola Bellomo, anche lui caduto nell'anonimato: "Se continua a giocare cosi, non lo prenderà nessuno!".