Commenta per primo
Su vari siti romani è rimbalzata la notizia del controriscatto da parte della Roma del rumeno Adrian Stoian. Per cercare di far chiarezza abbiamo contattato il direttore sportivo del Bari, Guido Angelozzi che in queste ore si trova a Milano per tentare di costruire, con poche risorse, il Bari 2012/13.


Buongiorno direttore, allora Stoian è stato controriscattato dalla Roma, puo' darci l'ufficialità?
"Non c'è nulla di ufficiale, stiamo parlando con la Roma e con altre squadre, ma non è stato concluso nulla. Mi meraviglio che escano certe notizie prive di ogni fondamento".

Sul fronte cessioni, pare che siano in partenza anche Borghese e Ceppitelli, cosa ci puo' dire al riguardo?
" La nostra priorità è sistemare la questione Stoian, poi vedremo tutto il resto. Posso solo dire che Ceppitelli ha delle richieste".

Nell'ambito dell'operazione Stoian, potrebbe giungere a Bari l'estroso centrocampista giallorosso Federico Viviani, è un vostro obiettivo?
"Viviani è un ottimo giocatore ma viaggia su ingaggi fuori dalla nostra portata. Forse molti non hanno capito che oltre i 70/80 mila euro non possiamo andare, è dura fare mercato cosi ma è la nostra attuale realtà. In quel ruolo abbiamo comunque Romizi che ha già dimostrato massima affidabilità".

Bisognerà quindi "pescare" giocatori con ingaggi alla portata. Si parla di Farabbi e Briganti del Gubbio, sono vostri obiettivi?
"Non abbiamo mai cercato questi due giocatori, sono invenzioni dei giornali. Ho letto di un incontro tra Torrente e alcuni esponenti del Gubbio, ma il nostro tecnico è in vacanza all'estero".

Se c'è un reparto da ricostruire è senza dubbio l'attacco, visti gli adii di Stoian, Forestieri, Castillo e Kutuzov. Novità dal fronte Caputo? E Babacar è di nuovo nel vostro mirino?
"La situazione con Caputo è ferma alla nostra proposta, non ci sono novità. Sistemata la questione Stoian con la Roma, affronteremo anche questo problema! La voce di Babacar è solo di pura fantasia: il giocatore della Fiorentina ha un ingaggio di 350 mila euro, non scherziamo".