Commenta per primo

Al 'San Nicola' il Bari non sa proprio vincere. Nemmeno il doppio vantaggio basta ai pugliesi per piegare un Vicenza mai domo. I veneti centrano la rimonta e strappano un 2-2 preziosissimo. Valzer di emozioni in una gara dai due volti. Domina il Bari nel primo tempo. Passano solo 2' e Claiton di testa su azione d'angolo sigla l'1-0. Al 32' ecco anche il raddoppio firmato da De Falco su punizione. I galletti, però, spariscono nella ripresa. Al 59' Gavazzi crossa, Misuraca fa la sponda e Rigoni manda all'angolino per la rete che accorcia le distanze. E a sei minuti dal termine, Maiorino di testa fissa il pari (la respinta di Lamanna è oltre la linea). Nel finale il Vicenza colpisce anche una traversa, mentre il Bari si ferma al colpo di testa a botta sicura di Castillo respinto da Soligo.

BARI

Il difensore del Bari, Claiton Dos Santos: 'C'è grande amarezza per non aver centrato una vittoria che sembrava già nostra. Il nostro errore è stato proprio quello di cullarci su un primo tempo in cui avevamo annullato il Vicenza. Ma in B nulla è scontato. Loro sono stati bravi a crederci, mentre noi abbiamo subito un calo fisico e nervoso. Peccato, volevamo far trascorrere un Natale sereno ai nostri tifosi. Ma una cosa è certa: tenteremo fino in fondo di raggiungere il treno delle migliori. Il gol? Lo dedico a mia moglie che aspetta un bambino'.

VICENZA

Il tecnico del Vicenza, Luigi Cagni: 'Alla fine resta anche un pizzico di rimpianto perché avremmo potuto vincere. La squadra merita lodi per aver creduto in una rimonta che pareva impossibile e per non essersi disunita nel momento di maggiore difficoltà. D'altra parte, però, devo dire che non mi è affatto piaciuto l'approccio al match. Nel primo tempo abbiamo sbagliato troppo, soprattutto sul piano del furore agonistico. E' importante, comunque, proseguire la serie utile e tornare imbattuti da un campo ostico come Bari. A proposito: il terreno di gioco del San Nicola è davvero pessimo. E' inammissibile che si giochino gare di questi livelli su un manto così precario'.