Commenta per primo

Una bella settimana ha radicalmente cambiato l'umore dei tifosi del Bari. La piazza biancorossa era divisa tra scetticismo e fermento per un mercato che stentava a decollare. Ma il neo ds Angelozzi è stato di parola. Il manager catanese aveva promesso che la cessione di Bonucci avrebbe sbloccato altre operazioni, e così è stato. La pesante, ma inevitabile, partenza del difensore azzurro, infatti, ha consentito di riportare a casa Barreto e Almiron, metà della spina dorsale della struttura di Ventura, nonchè gli idoli del San Nicola.

Con l'argentino ed il brasiliano ancora in rosa, il mercato appare più semplice. Anche perché Angelozzi ha strappato le conferme pure di Belmonte e Salvatore Masiello. Non solo. E' stato definito l’ingaggio di un elemento valido e duttile come Pulzetti che, insieme ad Almiron, Gazzi e Donati, compone un centrocampo completo e di spessore. Ad ore, inoltre, sarà definito l'acquisto di Ghezzal, che ha tutto per rimpiazzare a dovere Meggiorini, perso alle buste con il Genoa. Verosimilmente adesso gli sforzi di Angelozzi si concentreranno sulla difesa, ovvero il reparto al momento numericamente più povero. Dall'Udinese dovrebbe arrivare Coda (anche se il 25enne stopper è un po' perplesso sul suo trasferimento), ma non basta. Occorre almeno un altro centrale rodato nella categoria (si fa il nome di Rinaudo), nonché un terzino destro che non carichi di eccessive responsabilità il giovane Belmonte. Non guasterebbe, inoltre, un altro innesto, magari un giovane che possa sfondare come accaduto l'anno scorso a Ranocchia e Bonucci.

Una volta sistemata la retroguardia, l'85% del nuovo Bari sarà costruito. Resterebbero, però, un paio di operazioni che potrebbero rendere la miscela biancorossa esplosiva. La prima riguarda le corsie esterne: i confermati Alvarez e Rivas (sperando nella salute del cagionevole argentino) possono dare molto, così come il neo acquisto Romero (anch'egli proveniente dall'Udinese). Intriga pure la pista D'Alessandro (Roma), che Angelozzi vorrebbe assolutamente portare in Puglia. Tuttavia, se riuscisse un colpo 'pesante', il Bari potrebbe diventare una mina vagante pericolosa per tutti. I nomi che balzano in mente sono Giovinco, Cerci e Guberti. Immaginare uno di questi tre giocatori a completare la prima linea con Alvarez, Ghezzal e Barreto stuzzica la fantasia dei tifosi biancorossi. Perché, con un tale assetto, ben poche difese sarebbero in grado di sostenere un simile impatto.

L'ultimo sforzo, infine, dovrebbe riguardare l'attacco. Sarebbe opportuno, considerato il grave infortunio da cui è reduce Kutuzov, nonché l'età avanzata di Castillo, ultimare il reparto con un'altra punta. Magari un emergente che accetti senza drammi un pizzico di anticamera con la concreta chance di ritagliarsi una vetrina importante. In definitiva: un buon investimento per un'ala ed un prospetto in attacco potrebbero far decollare non solo le quotazioni dei galletti, ma anche la campagna abbonamenti che scatterà tra qualche giorno.