Commenta per primo

Non si può dire che non ci sia stata la mano del Presidente Berlusconi, negli ultimi botti fatti registrare dal Milan sul mercato, lo stesso Galliani ha sottolineato che il benestare alle due operazioni "top top Mondo", è giunto proprio dall'alto. Dunque un ritorno di fiamma a tutti gli effetti, quello provato dal patron rossonero per i suoi colori e corrisposto dai tifosi, un sentimento ringalluzzitosi in quella che sembrava essere l'estate di "magra" per eccellenza. Negli ultimi anni lo stesso Berlusconi ha spesso cambiato maschera, destabilizzando e spiazzando tutti, con uscite non sempre corrisposte dai fatti. I cugini facevano incetta di vittorie e i tifosi milanisti si sentivano dire: "Siamo all'altezza dell'Inter", l'organico per numero o talenti deficitava in qualche aspetto, ma le affermazioni cozzavano puntualmente: "Possiamo giocarcela con tutti", o peggio "La squadra è al completo ed è attrezzata per competere su tutti i fronti". Tuffi al cuore che ricordano momenti non proprio esaltanti, o comunque, meno festosi di queste ultime ore d'estate. Le parole di qualche settimana fa hanno poi illuminato l'orizzonte, anche se le prospettive ipotizzate non sembravano sposarsi a pieno con i proclami di rito. Nell'arco di tempo che ha portato a ieri, sono state innumerevoli le volte che il popolo milanista si è sentito ripetere: "Non ci sono i soldi, non si può spendere". Alla fine quando tutto e tutti sembravano rassegnati, o comunque convinti che più di quanto fatto non fosse possibile realizzare, sono arrivati due nomi a dir poco clamorosi e tanti puntelli che potrebbero rivelarsi piacevoli sorprese. Un colpo di genio, un finale pirotecnico che neanche il miglior prestigiatore sarebbe mai riuscito a realizzare. Il Milan non solo rinvigorisce una rosa apparsa spesso logora, ma allo stesso tempo si libera di alcuni "pesi" e con intelligenza e fantasia, allestisce l'attacco più forte del Mondo. Difficile da spiegarsi, forse il sunto è in quello striscione esposto dai supporters rossoneri nel prepartita Milan-Machester Utd dello scorso anno: "Capire tu non puoi, tu chiamale se vuoi emozioni".