1
Dopo il trasferimento dall'Inter allo Sparta Praga, Jonathan Biabiany commenta: "Il tarlo nella testa mi è venuto dopo la chiamata di Stramaccioni, ma ho avuto bisogno di tempo per pensare, anche perché mia moglie è incinta. Chiaramente, la sua presenza qui ha influito, ma anche la storia di questo club ha giocato un ruolo chiave nella mia scelta. Stramaccioni, dal canto suo, è un tecnico molto entusiasta e un gran lavoratore: è una cosa buona per il club e per il nostro lavoro insieme.

Non credo sia un problema essere arrivato subito dopo l'inizio della stagione, anzi spero che i compagni mi agevoleranno nel mio percorso di adattamento. Abbiamo tutti un unico obiettivo per cui lottare. Ho visto la gara con la Stella Rossa dalla tribuna e ho avuto modo di godere dell'appoggio dei tifosi e della squadra. Peraltro, ho avuto modo di affrontare lo Sparta l'anno scorso con l'Inter nei due match di Europa League: ricordo che ci battemmo con una squadra forte, ostica, che adesso si è ulteriormente rinforzata con arrivi dall'estero e sarà pronta per il successo".