Commenta per primo

Una grande parata. Non è un gesto tecnico, bensì quello che si potrebbe organizzare con tutti i portieri tesserati sotto la gestione Zamparini. Viviano, infatti, è il ventesimo portiere ingaggiato da quando il patron ha rilevato le quote del Palermo. In dieci campionati tra serie B e serie A hanno indossato la casacca rosanero portieri affermati, promettenti, stranieri e autentiche meteore. Il primo fu Generoso Rossi, arrivato a Palermo nel famoso travaso dal Venezia, che però di fatto non scese mai in campo in partite ufficiali. Erano già tesserati Sicignano, Comi, Berti, Tarantino e Viola. Il primo a giocare in A, invece, fu Guardalben. Sotto contratto con lui Agliardi, Santoni (ora finito nell'inchiesta sul calcio scommesse), Lupatelli e Andujar.

Poi arrivò l'era di Amelia, che però entrò subito in concorrenza con Fontana. Il terzo portiere dell'epoca era Ujkani. Dopo è arrivato il momento di Sirigu, schierato titolare da Zenga al posto di un poco convincente Rubinho. Ingaggiato questa estate per sostituire proprio l'ex portiere sardo, nel frattempo ceduto al PSG, ecco Tzorvas che però è stato scalzato nelle gerarchie da Benussi. Attualmente in rosa oltre a Viviano c'è anche Brichetto. La stagione più affollata è stata quella 2005/2006 con sei portieri a libro paga. Quest'anno Zamparini, invece, ne paga quattro, avendo rescisso l'accordo con Rubinho a dicembre.

(La Repubblica - Edizione Palermo)