369
Arrivano novità importanti in merito all'addio di Zvone Boban al Milan. Lo scorso 7 marzo il croato fu licenziato per giusta causa con effetto immediato dal club rossonero dopo i dissidi interni con Elliott e l'ad Gazidis, culminati con un'intervista a La Gazzetta dello Sport in cui Boban puntava il dito contro il manager sudafricano, reo di non averlo avvisato dell'operazione Rangnick, poi naufragata in estate.

RISARCIMENTO - L'indiscrezione lanciata da Dagospia, che trova conferme, racconta di come il Milan sia stato condannato dal Tribunale di Milano a risarcire Zvonimir Boban. Il croato ha vinto la causa contro il club, che gli riconoscerà 5,375 milioni di euro. Secondo quanto appreso da Calciomercato.com, il club di via Aldo Rossi ricorrerà in appello. 

RICORSO - Il Milan conferma in una nota la volontà di ricorrere in appello: "​In merito al recente dispositivo di sentenza del Giudice del Lavoro di Milano che ha parzialmente accolto il ricorso di Zvonimir Boban, AC Milan attende le motivazioni prima di esprimere valutazioni di merito, ma conferma la ferma volontà di ricorrere in appello per tutelare la Società, ribadendo la totale correttezza e legittimità delle proprie decisioni e azioni intraprese".