Commenta per primo
Blerim Dzemaili, capitano del Bologna, ha parlato a Sky Sport nel ritiro rossoblù dopo l'annuncio della malattia di mister Mihajlovic: "Il mister vincerà questa battaglia anche per noi, ci sentiamo un po' la sua famiglia. Quello che ci ha dato negli ultimi sei mesi raramente ce lo aveva dato un altro allenatore, soprattutto in così poco tempo. Sappiamo che persona è, quanto sia forte e cercheremo di trasmettergli la nostra forza. Lo aspettiamo presto con noi, intanto lo sentiamo qui vicino. Il mister ha un grande staff, i suoi collaboratori sono parte di lui e noi li sentiamo come se fossero tutti degli allenatori. Abbiamo fatto una promessa al mister, io da capitano voglio mantenerla. Stamane abbiamo avuto uno shock, dico la verità, ma una volta parlato con lui abbiamo capito che dobbiamo continuare così perché Mihajlovic sarà di nuovo qui in tempi brevi. Sinisa ci ha detto di continuare a lavorare col sorriso, proveremo a fare esattamente questo nei prossimi giorni. Il mister ci ha fatto vedere la strada, lo abbiamo seguito tutti in questi mesi. Lui è il condottiero che ci può portare a raggiungere tutti i nostri obiettivi. Nessuno di noi si aspettava una cosa del genere, ma gli stiamo tutti vicini: per noi Mihajlovic è come un padre, lotteremo per lui come lui lotta per noi. Innanzitutto dico che Bologna è una piazza davvero meravigliosa. Dopo il Napoli questa è sicuramente la squadra in cui mi sono trovato meglio. C'è una passione stupenda, basti pensare che lo stadio lo scorso anno è sempre stato quasi pieno nonostante le difficoltà. Questo è sinonimo della voglia della città di ottenere qualcosa di importante. Sono convinto che nella prossima stagione ce la faremo, abbiamo davvero un grande gruppo. Ora ognuno di noi deve dare qualcosa in più, per il mister e per noi stessi. Abbiamo tanti giocatori di grande carattere".