Genoa-Bologna 1-0

Skorupski 5,5:
respinge in bagher il tentativo di Piatek a fine primo tempo, non può nulla sul secondo tentativo del polacco nella ripresa.

De Maio 5: tiene a bada Piatek per oltre un’ora di gioco. Ma al primo pallone giocabile il polacco lo punisce.

Danilo 6: balla poco anche perché la pressione offensiva del Grifone non è proprio irresistibile.

Gonzalez 6: aiuta i compagni nell’arginare lo (scarso) sforzo offensivo dei genoani. Sacrificato nel finale quando Inzaghi va alla ricerca del pareggio.

(dal 25’ st Orsolini 5: si divora un gol quasi fatto mandando la palla in tribuna da ottima posizione).

Mattiello 5,5: copre con ordine la fascia destra mancando però di iniziativa quando deve affondare.

Poli 6: dinamico e volenteroso, mette un po’ di brio ad una gara giocata prevalentemente a centrocampo. Eccessivamente nervoso, Inzaghi lo toglie anzitempo per evitare guai peggiori.
(dal 23’ st Svanberg 6: crea il maggior pericolo alla porta ligure ma un involontario blocco di Dzemaili gli nega la gioia del gol)

Pulgar 5: frenetico ed impreciso, prova a dettare i ritmi di gioco degli emiliani ma troppo spesso sbaglia il senso della misura nel tentativo di ribaltare l’azione.

Dzemaili 5: volenteroso di mettersi in luce di fronte al suo vecchio pubblico sfodera al contrario una prova poco convincente sia in intensità che in precisione.

Dijks 6,5: spinge tanto sulla sinistra e non si risparmia nei contrasti. Una delle poche note positive di questo Bologna targato SuperPippo.

Destro 4: ci mette appena due minuti per mettersi in mostra. Peccato lo faccia solo per prendersi il primo giallo della gara. Poi semplicemente il nulla.

(dal 34’ st Santander SV: poco più di 10’ senza di fatto toccare mai un pallone)

Okwonkwo 6: spina nel fianco della difesa ligure, almeno nella prima mezzora di gioco. Poi cala come il resto dei compagni. Rischia il giallo per un’evidente simulazione in area.


All. F. Inzaghi 5,5: la qualità della rosa a disposizione non è certa eccelsa, soprattutto in attacco, però aver ottenuto un solo punto dopo quattro gare è davvero troppo poco. Nel pomeriggio di Marassi il suo Bologna prova anche a fare la partita ma si deve inchinare alla magia di Piatek che fa pendere la bilancia verso i rossoblù di casa.