Commenta per primo
Il tecnico del Bologna Sinisa Mihajlovic, commenta a Sky Sport il successo sul campo della Sampdoria: "Sono sempre stato sereno e continuo ad esserlo. Abbiamo gli stessi punti dell'anno scorso: l'ano scorso su otto partite avevamo affrontato Roma, Lazio e due retrocesse, quest'anno Milan, Lazio, Sassuolo e Napoli, quindi abbiamo fatto meglio. Quando si semina prima o poi si raccoglie e oggi era arrivato il momento di raccogliere: siamo stati bravi, abbiamo subito gol da calcio d'angolo ma abbiamo giocato meglio della Samp e abbiamo vinto meritatamente. Orsolini? Io dico a tutti le cose in faccia, non solo a lui. Prima mi ha fatto arrabbiare, poi mi ha reso felice perché se sbagliava pure quello bisognava mandarlo a piedi a Bologna: con il Napoli ha sbagliato un gol che era più facile di quello di oggi. Oggi non abbiamo rischiato nulla, abbiamo preso gol su una palla inattiva ma abbiamo sempre comandato il gioco. Quello che mi ha fatto arrabbiare di più sono stati quei 10-15 minuti dopo il secondo gol in cui non abbiamo giocato e avevamo paura di vincere, abbiamo sbagliato due passaggi in cui potevamo prendere gol. Passato quel momento abbiamo ripreso in mano la partita e vinto meritatamente. Bologna 'a porta aperta' da oltre 40 partite? Non posso dire che non mi scoccia, ma è anche vero che oggi abbiamo subito pochi tiri in porta. Con noi ogni occasione è gol, dovrà girare anche quello ma l'importante per noi è fare un gol più degli avversari. Se avevo buone sensazioni? Purtroppo o per fortuna le ho sempre, anche da giocatore non sono mai partito pensando di aver perso: penso sempre di poter incere, con chiunque gioco. Marassi? Questa è casa mia, peccato non ci fossero i tifosi, perché è uno dei pochi stadi all'inglese in cui senti bene il calore del pubblico. Ci ho passato quattro anni da giocatore e quasi due da allenatore, quando vengo a Genova mi sento a casa mia. C'è anche il mio amico, il presidente Ferrero, e tanti membri dello staff che lavorano qui da anni. E' sempre un piacere tornare, ancor di più quando si riesce a vincere. Sassuolo da scudetto? Per come gioca secondo me sì, poi non so se ci arriverà. Forse ci sono squadre più attrezzate, ma per quello che sta dimostrando e dimostrerà può sicuramente lottare. Non voglio mettere loro pressione, ma è un piacere vederli giocare. Con noi sono riusciti a vincere una partita che forse non capiterà mai più, ma è una squadra che ha una sua identità e mette tutti in difficoltà".