Commenta per primo

Artur Boruc non si tocca e non se ne andrà da Firenze. A gennaio, come a giugno. Ha un contratto firmato appena qualche mese fa, ovviamente con una scadenza ancora lontanissima e soprattutto — parola di Corvino — la Fiorentina non ha nessuna intenzione di disfarsi di un portiere che rappresenta una concreta e importante alternativa a Frey.
Dunque, sfoghi e dichiarazioni fatte «da lontano», ovvero nel corso delle pause di campionato per gli impegni della Nazionale, non provocheranno alcun effetto e il futuro di Boruc sarà ancora (a lungo) colorato di viola.
Detto tutto questo, fa comunque sensazione il fatto che ogni giorno il nome di Boruc sia accostato a questo o quel club pronto — si dice — a mettere sul piatto della Fiorentina molto più di quel milione e 200mila euro spesi da Corvino l’estate scorsa.

Dal Valencia (Spagna) al West Ham (Inghilterra), passando per una nuova tappa italiana (a Bologna) e il ritorno in patria, in Polonia, al Lech Poznan, la carrellata di mercato che ha al centro il portiere della Fiorentina continua con nuovi capitoli. Tutti da rileggere e probabilmente da approfondire.