Commenta per primo
Lazio-Brescia 2-0

Andrenacci 8: Non può molto sul gol di Correa, era peggio di un rigore.  Nega la gioia del gol a Luis Alberto da fuori con una bella parata,  poi chiude la saracinesca su Immobile. Si supera su Milinkovic, su Immobile, veramente un baluardo.

Sabelli 5,5:  Dalla sua parte Jony non è che sia proprio un fulmine, lo contiene come può e prova anche a proporsi. Fa il suo. 

Papetti 5,5: Con il suo reparto sul gol di Correa dormicchia, prende un giallo sacrosanto per un fallaccio su Immobile, ma in generale prova a tenere la linea e si dimostra ordinato. Per un 2002 una prova comunque solida, nonostante le molte folate Lazio. 

Gastaldello 6: Poca cosa l'opposizione sul gol di Correa, per il resto gara molto precisa, prova a tenere, con l'esperienza dei suoi 37 anni suonati. Esce stremato.
(Dal 31' st Semprini s.v.)

Mateju 6:  Dalle sue parti c'è Lazzari che ha gamba ed è in ottima forma, ma in generale prova ad opporsi come può, spesso intercettando palloni altrimenti molto pericolosi. 

Spalek 5,5: Dalla sua parte la vita è complicata, Lazzari corre veramente tanto e non lascia spazio nemmeno in ripartenza. Nella ripresa prende un po' le misure. 
Viviani 5: Soffre un po' il palleggio della Lazio, raramente riesce ad aiutare i suoi ad uscire palla al piede. 

Tonali 5,5: Chiaramente tutta la qualità passa dai suoi piedi, gli altri spesso sono comprimari della sua visione. Rischia con una brutta botta a Luis Alberto, il problema è che a volte predica proprio nel deserto.

Zmrhal 5: Prova qualcosina, Jony qualcosina concede, gioca a piede invertito e a volte è un po' prevedibile. 

Ayè 5,5: Di lui si ricordano un paio di aperture non male nel primo tempo e poco altro, se non tanta corsa per coprire in fase difensiva. Generoso. 
(Dal 43' st Ndoj s.v.)

Torregrossa 6,5:  Che chance clamorosa nel primo tempo di testa! Uno dei più pericolosi, ci prova, ha idee intelligenti. Punta vera. 


All. Diego Lopez 6: Mette i suoi con buon ordine, la squadra si impegna e rimane in partita per un'ora abbondante, senza rischiare troppo. Non si può chiedere di più ad una squadra da ricostruire.