Commenta per primo

La Roma esce sconfitta dal campo, ma con il cuore in mano e mille recriminazioni. Il 2-1 subito sul campo dai giallorossi di Ranieri non è andato proprio giù a giocatori e dirigenza, soprattutto per la direzione di gara del signor Russo di Nola e della sua terna. Gara aperta dalla segnatura di Hetemaj al 13': difesa della Roma disattenta sul cross dal fondo di Caracciolo ed Hetemaj è pronto a battere a rete per il vantaggio delle rondinelle. Ranieri leva Rosi ammonito per dar spazio a Cicinho, e la squadra ne beneficia, tanto è vero che prima Borriello reclama un rigore per atterramento in area ai suoi danni da parte di Berardi e poi Menez spara a lato di poco da buona posizione. Nella ripresa Ranieri gioca la carta Adriano per dare peso all’attacco. Al 20' l'episodio che cambia definitivamente il match a favore del Brescia. Mexes entra in collisione con Eder al limite dell'area, per Russo è rigore ed espulsione del difensore giallorosso. Dopo numerosi minuti di interruzione per le proteste della squadra di Ranieri, Caracciolo sigla il rigore. Russo due minuti più tardi non sanziona un mani in area di Hetemaj meritevole del rigore, ma nonostante tutto la Roma è viva e trova il gol della speranza con Borriello al 38' con una bella girata in rete. Ci sarebbe anche il tempo per il pareggio con Adriano, al 52', ma la sua conclusione a rete di testa viene parata miracolosamente da Sereni. Finisce così la gara tra mille polemiche giallorosse e grandi sorrisi biancoazzurri.

BRESCIA

Il difensore del Brescia, Francesco Bega: 'Siamo molto contenti della vittoria che ci porta in una posizione di classifica inusuale per noi. La Roma si è molto arrabbiata per gli episodi? A parte il rigore sul fallo di mano di Hetemaj, per il resto credo che gli altri episodi non siano così clamorosi'.

Il centrocampista del Brescia, Alessandro Diamanti: 'Non guardiamo la classifica ma viviamo alla giornata. Oggi abbiamo vinto contro una buona Roma che non mi è apparsa assolutamente debole e provata, ma anzi mi è apparsa una squadra viva. Sono uscito per una distorsione alla caviglia che spero non mi precluda la trasferta di Bari'.

ROMA

Il dirigente della Roma, Gianpaolo Montali: 'Siamo in grande imbarazzo a commentare quello che è successo questa sera. Ci sono stati negati due rigori, l'espulsione di Mexes è inesistente più di così cosa possiamo dire. Da quando sono arrivato ho sempre cercato di dare una impronta positiva alla squadra e alla società nei confronti degli arbitri: come dato dico che abbiamo diminuito l'80% delle ammonizioni per proteste e non abbiamo mai fatto polemica alcuna. Il danno subito è grave ed enorme e ciò che ho visto e che tutti hanno visto è imbarazzante. La squadra ha giocato bene, non ho nulla da rimproverare ai giocatori, hanno dato tutto'.

Il direttore sportivo della Roma, Daniele Pradè: 'La partita l'ha vinta la terna arbitrale, non il Brescia. Sul campo la squadra ha dimostrato di essere viva e di crederci sino alla fine, ma di fronte a queste cose non si può rimanere inerti. Usciamo di qui con le ossa rotte e con il morale a terra. Non voglio più vedere arbitrare Russo né la sua terna, nella quale tra le altre cose c’è Ayroldi che già al Mondiale aveva combinato guai'.