35
Il Milan deve rinunciare a Giacomo Bonaventura per la trasferta di Verona: il fantasista ha accusato una lesione alla coscia destra e non sarà a disposizione di Brocchi. L'infortunio di Jack diventa l'occasione per far rientrare subito quello che stava diventando un vero e proprio caso in rossonero: la scomparsa di Keisuke Honda, mai utilizzato nelle prime due partite con il nuovo tecnico.

IMPOSSIBILE IGNORARLO - Una scelta quella di Brocchi di tagliarlo che ha sorpreso i tifosi, visto che il giapponese era sempre stato uno dei migliori del Milan anche nell'ultimo periodo di Mihajlovic: nonostante un evidente affaticamento (dovuto all'assenza di cambi sull'esterno) Honda non ha mai calato l'intensità e l'impegno. L'arrivo di Brocchi e il passaggio al 4-3-1-2 potevano anche favorirlo visto che in origine tra VVV Venlo e CSKA Mosca Keisuke aveva avuto successo proprio nel ruolo di trequartista (e da molti tra tifosi ed esperti di calcio viene visto come il più adatto al ruolo per predisposizione tattica e caratterstiche tecniche), invece il tecnico gli ha preferito prima Bonaventura poi addirittura Boateng, flop clamoroso contro il Carpi giovedì che ha scatenato l'ira dei tifosi. Ora Brocchi non può più ignorarlo e contro il Verona toccherà proprio a lui salvo incredibili ribaltoni agire alle spalle delle punte per dimostrare di avere le caratteristiche più adatte al ruolo rispetto ai compagni sopra citati: Bonaventura tende ad allargarsi troppo abbandonando la zona di competenza, Boateng non offre più garanzie atletiche e la leziosità mostrata col Carpi preoccupa, ora Keisuke può dimostrare di essere lui il trequartista perfetto per Brocchi e per Berlusconi.

SI GIOCA IL FUTURO - E a quattro partite più la Coppa Italia dalla fine la sua presenza in campo diventa fondamentale anche in campo: l'ottimo rendimento con Mihajlovic aveva convinto la società a rinnovare il suo contratto in scadenza nel 2017 e lui sentendosi al centro del progetto era pronto ad accettare senza remore. L'arrivo di Brocchi ha cambiato i piani e da protagonista Honda è rimasto tagliato fuori dalle rotazioni, rimettendo in discussione anche un rinnovo che sembrava già fatto: il giapponese non resta come comparsa, vuole essere protagonista e in Premier League c'è chi è pronto ad offrirgli questa possibilità in estate. Al Milan sta bene, ma vuole garanzie e per questo diventano cruciali le ultime quattro partite di campionato, soprattutto le prossime due contro Hellas e Frosinone: a maggio il fratello/agente Hiro sarà in Italia per discutere con la società, quella la deadline per decidere il futuro di Keisuke. Rinnovo o addio, tutto dipende dallo spazio che Honda troverà in questo finale di stagione.

Twitter: @Albri_Fede90