Il futuro di Gonzalo Higuain è ancora tutto da scrivere. Più passano i giorni e maggiori sono le preoccupazioni dei tifosi del Milan. Perchè il mal di pancia non è rientrato, il gol messo a segno contro la Spal già troppo lontano. Dentro le segrete stanze di Casa Milan qualcosa è successo, qualche verità non è stata ancora raccontata

L'AMMISSIONE DI GATTUSO - 'In questi giorni se non lo avessi visto in condizione non lo avrei fatto giocare. Con lui ho questo rapporto, ci diciamo le cose in faccia. C’è grande onestà. Quando un giocatore fa delle scelte, poi è anche difficile poterlo convincere. Uno ci prova. In questo momento è un giocatore del Milan, ce lo teniamo ben stretto. Non so cosa succederà. Ci diremo le cose in faccia e da lui voglio lo stesso atteggiamento, per ora non è mancato'. Gattuso a Milantv non si è sottratto dalla domanda sul Pipita, ha risposto con la massima sincerità. Ma le sue parole suonano come un forte campanello d'allarme, a molti sono sembrate molto simili a quelle pronunciate la scorsa estate in riferimento a Leonardo Bonucci. Che sia il preludio alla cessione? Una probabilità c'è, inutile negarlo. Perchè Higuain vuole il Chelsea, vuole tornare da un allenatore fondamentale per la sua carriera come Maurizio Sarri. LO SCENARIO - La certezza, in una situazione abbastanza intricata, è che l'ultima parola l'avrà il Milan. La scorsa estate Leonardo ha puntato tutte le fiches su Higuain, sperava nell'argentino come il leader capace di riportare il Milan nell'olimpo del calcio europeo. Il dirigente brasiliano è conscio che senza il Pipita le possibilità di conquistare la Champions si assottiglierebbero, quindi potrebbe avallare la sua cessione solo avendo già pronta l'alternativa e tutti gli indizi portano ad Alvaro Morata. Per il momento da Londra non sono ancora arrivati segnali da parte di Marina Granovskaia, ancora indecisa se accontentare il suo tecnico o seguire la linea contro gli investimenti per gli over 30. Ecco il perchè delle dichiarazioni, anche piuttosto forti, di Leonardo che possiamo tradurre così: al Milan di offerte non sono ancora arrivate, quindi la soluzione è mettersi a correre senza pensare a quello che poteva essere e non è stato. Senza tralasciare l'aspetto economico: il Diavolo non può vedere depauperato l'investimento da 18 milioni di euro con il quale si garantito le prestazioni, fino alla prossima estate, del centravanti nato a Brest 31 anni  fa. Come già raccontato da calciomercato.com, dopo la finale di Gedda contro la Juventus arriverà un faccia a faccia tra Leonardo e Gonzalo Higuain.  E sarà proprio Fabio Paratici il primo ad essere informato dell'esito, perchè la Juventus vuole conoscere quello che sarà l'interlocutore sull'argentino la prossima estate. Non direbbe no al Chelsea, ma dietro precise garanzie: ovvero il riscatto da 36 milioni di euro esercitato nel prossimo mese di luglio.