Quattordici giornate di campionato 37 punti incamerati, frutto di 12 vittorie un pareggio contro il Norimberga e una sconfitta contro il Bayer Leverkusen. Stiamo parlando del Bayern Monaco di Jupp Heynckes che sta letteralmente "ammazzando" questa Bundesliga 2012-2013.

Steccano pesantemente l'Eintracht Francoforte, sconfitta in casa dal Mainz e lo Schalke 04 che perde malamente contro l'Amburgo. Il Borussia Dortmund, mostruoso in Champions ma "normale" in campionato, pareggia contro il modesto Fortuna Dusseldorf e vede allontanarsi di molto la vetta della classifica.
 
In tutto questo ne approfitta e ride il Bayer Leverkusen che in queste giornate di campionato è stata l'unica squadra a fermare il Bayern, all'Allianz Arena, ma soprattutto ha scalato piano piano la classifica e ora si trova al secondo posto a meno dieci da Mandzukic e compagni.
 
Il Bayern quest'anno ha la possibilità di fare il double: viste le dieci lunghezze di vantaggio in campionato e la rosa ampia e di maggior qualità rispetto agli avversari, la squadra bavarese potrà concentrarsi maggiormente sulla Champions League e cercherà di rifarsi dallo smacco della passata stagione, dove arrivò secondo in tutte e tre le competizioni (Bundesliga, Coppa di Germania e Coppa dei Campioni persa in casa ai rigori contro il Chelsea).
 
Una riflessione però è d'obbligo: la tanto bistrattata serie A, con tutte le sue contraddizioni e difetti, fatta, secondo i critici di solo tatticismo e poco spettacolo, fra stadi fatiscenti e polemiche, quantomeno sta regalando un campionato equilibrato con cinque squadre racchiuse in soli sei punti.
 
Questo porta a dire che il campionato italiano non ha niente da invidiare a quello tedesco a livello di spettacolo o di competitività semmai la Federazione italiana dovrebbe prendere esempio dagli impianti tedeschi e i supporters italiani dal loro modo di fare il tifo.