1
Tutti in campo per il ballo finale. Le diciotto squadre di Bundesliga si sono affrontate oggi in contemporanea, alle 15.30, per la 34esima e ultima giornata del campionato tedesco. Già assegnato il titolo, il decimo consecutivo per il Bayern Monaco, già assegnati due posti Champions, al Borussia Dortmund e al Bayer Leverkusen, rispettivamente secondo e terzo, come già decisa la prima retrocessa il Greuther Furth. Stabiliti anche gli altri verdetti, negli ultimi 90' della stagione. Innanzitutto il quarto posto, che vale l'ultimo piazzamento Champions, va all'RB Lipsia, finalista di Coppa di Germania e semifinalista di Europa League, che lo difende dagli assalti di Union Berlino e Friburgo. Basta l'1-1 firmato da Serra e Orban nel match esterno contro l'Arminia Bielefeld, penultimo e retrocesso. Union e Friburgo blindano comunque l'Europa League, rispettivamente in casa e in trasferta contro Bochum e Bayer Leverkusen ormai prive di obiettivi: le gare finiscono 3-2 con i gol di Promel, Zoller, Lowen e la doppietta di Awoniyi (15 in Bundes) e 1-2 con i gol di Alario, Palacios e Haberer. Il Colonia settimo vola in Conference League, nonostante il ko per 2-1 in trasferta contro lo Stoccarda, che grazie a Kalajdzic, Modeste ed Endo al 92' raggiunge la salvezza diretta, con la vittoria e la contemporanea sconfitta dell'Hertha Berlino, 2-1 sul campo del Borussia Dortmund, dato che a parità di punti ha la migliore differenza reti: psicodramma per i berlinesi, che vanno al playout, dopo il rigore di Belfodil e le reti di Haaland sempre su rigore (22 in campionato) e Moukoko. Le altre sfide non regalano spunti di classifica: il Bayern pareggia 2-2 sul campo del Wolfsburg, in quella che potrebbe essere l'ultima gara di Robert Lewandowski con la maglia dei bavaresi, in rete e a quota 35 reti in campionato, assieme a Stanisic, Wind e Kruse; l'Augsburg batte 2-1 il Greuther Furth con Caligiuri, Ngankam e Gregoritsch, la finalista di Europa League Eintracht Francoforte pareggia 2-2 sul campo del Mainz, con Tuta, Borré e doppio Ingvartsen, mentre il Borussia Monchengladbach asfalta 5-1 l'Hoffenheim, Stindl, Plea, Embolo, doppio Hofmann e Kramaric.