Commenta per primo

Con un gol per tempo Cagliari e Brescia si dividono la posta in palio. Un 1-1 che serve principalmente agli ospiti, in piena lotta salvezza, e che per la squadra di Donadoni rappresenta l'addio ai sogni europei. Il Cagliari gioca un buon primo tempo, passando in vantaggio al 22'. Lancio di Astori dalle retrovie per Cossu, il fantasista cagliaritano evita Zambelli e anticipa Arcari in uscita insaccando nella porta sguarnita. Allo scadere del tempo il Brescia rischia di capitolare, ma questa volta l'intervento di Arcari è decisivo sul colpo di testa ravvicinato di Biondini. Negli spogliatoi Iachini scuote i suoi che entrano in campo più determinati e, dopo aver salvato la propria porta al 59' sul tiro di Nainggolan, trovano al 61' il gol del pareggio grazie all'accoppiata Diamanti-Caracciolo. Il primo batte la punizione, mentre Caracciolo di testa trasforma in rete. Il Cagliari reagisce ma i tentativi di Agostini - cross dalla sinistra che attraversa tutta l'area - e Acquafresca - anticipato di un soffio sul cross di Cossu - non creano difficoltà ad Arcari. Sul fronte opposto invece Caracciolo mette i brividi ad Agazzi in due occasioni: all'83' di testa sfiora l'incrocio dei pali e all'89' su invito di Eder non inquadra lo specchio della porta da ottima posizione. Nel finale concitato l'arbitro espelle Eder (secondo giallo per simulazione in area sul contatto con Nainggolan) e il tecnico Iachini che protesta contro la decisione arbitrale.

CAGLIARI

Il portiere del Cagliari, Michael Agazzi: 'Siamo partiti bene, trovando un gran gol con Cossu, poi purtroppo abbiamo fallito diverse occasioni per raddoppiare e dopo il pareggio non siamo riusciti a riprenderci. In ogni caso non è una prestazione da buttar via, sapevamo che il Brescia ha un ottimo potenziale offensivo con Caracciolo, Eder e Diamanti, e siamo stati bravi a contenerli. Ce l'abbiamo messa tutta per vincere, c'è sicuramente rammarico per le occasioni non concretizzate'.

BRESCIA

Il difensore del Brescia, Francesco Bega: 'Non era facile espugnare questo campo, siamo riusciti a portar via un punto importantissimo. Sino al gol la gara era tranquilla, poi lo svantaggio ci ha un po' destabilizzato ma nella ripresa siamo entrati in campo più determinati e abbiamo avuto anche diverse occasioni per vincere. Abbiamo dimostrato di essere vivi e di lottare sino alla fine. Ora non dobbiamo guardare ai risultati delle altre squadre ma pensare solo a noi stessi e cercare di fare il gran colpo, magari domenica a Genova'.