Commenta per primo
Il Cagliari torna in Serie B dopo undici anni. L'ufficialità della retrocessione arriva dopo la sconfitta casalinga contro il Palermo. Gianluca Festa, allenatore dei rossoblù è molto amareggiato al termine del match: "Siamo dispiaciuti, soprattutto perché la retrocessione è arrivata davanti al nostro pubblico. Volevamo tenere acceso un lumicino ma non ci siamo riusciti. Abbiamo fatto bene nel primo tempo ma poi ci è mancata la forza nel secondo per provare a vincere. Non sta a me cercare i responsabili, tra loro comunque ci sono anche io. È stata una stagione difficile e non mi sento di dire o accusare nessuno. Le responsabilità vanno divise. Bisogna essere molto bravi a costruire una squadra che capisca cosa vuol dire giocare per questa maglia e per la Sardegna. Il senso di appartenenza è importante. Giulini sa bene cosa fare. Bisogna costruire una squadra con le componenti giuste di entusiasmo, un misto tra giovani che vogliono emergere ed anziani che hanno vogliono dare un contributo importante. Il mio futuro? Da parte mia c'è tutta la disponibilità a continuare".