Commenta per primo

La Fiorentina passa al Sant'Elia per 2-1 e sorpassa il Cagliari in classifica. Ha deciso la partita la doppietta di Alessio Cerci, bravo a sfruttare due disattenzioni della difesa rossoblù. La partita è stata tutto sommato equilibrata, con il Cagliari maggiormente presente in fase di palleggio e possesso palla ma meno incisivo in attacco della squadra di Mihajlovic. Il vantaggio dei viola arriva a sorpresa all'ultimo minuto del primo tempo, grazie ad un rasoterra di Cerci dal limite dell'area che si insacca nell'angolino alla destra di Agazzi. Ad inizio ripresa il Cagliari riequilibra immediatamente il risultato con un gran gol di Cossu, che sorprende Boruc con un sinistro dalla distanza. Il pareggio dura solo qualche minuto. Al 50' infatti Cerci raddoppia raccogliendo una respinta di Agazzi sulla conclusione ravvicinata di Behrami. Lo svantaggio non demoralizza il Cagliari che si porta con decisione in avanti senza creare tuttavia grossi pericoli alla porta difesa da Boruc. Nel finale la squadra di Donadoni rallenta il ritmo e la Fiorentina costruisce tre nitide occasioni con Pasqual (75'), Marchionni (76') e Gilardino (77'), ma Agazzi si fa trovare pronto. I rossoblù comunque non si arrendono e prima del fischio finale vanno vicinissimi al gol con Acquafresca e Ragatzu che per poco non regalano al Cagliari il meritato pareggio.

CAGLIARI

Il centrocampista del Cagliari, Radja Nainggolan: 'E' stata una bella gara, abbiamo giocato bene cercando di fare la partita ma purtroppo siamo stati puniti da due disattenzioni difensive. Nella ripresa siamo entrati in campo con più cattiveria trovando subito il pareggio; non ci siamo arresi neanche dopo il raddoppio della Fiorentina, ci siamo buttati in avanti ma con poca incisività. Purtroppo non siamo riusciti a trovarci nel posto giusto al momento giusto, come è successo agli avversari'.

FIORENTINA

Il difensore della Fiorentina, Alessandro Gamberini: 'Una vittoria importante al di là del bel gioco che abbiamo espresso, che dimostra la voglia di concludere alla grande questo campionato dopo le problematiche che abbiamo affrontato durante l'anno. Non abbiamo obiettivi importanti da raggiungere, vogliamo solo dare il massimo da qui al termine. Il Cagliari si è dimostrato un'ottima squadra, ha preparato bene la partita e ci ha fatto soffrire, con Cossu che giostrava bene tra le linee, ma l'ingresso di D’Agostino ci ha permesso di dettare i tempi del gioco. Sono contento per Cerci, la doppietta è per lui importantissima dal punto di vista psicologico'.