Commenta per primo
Diego Lopez, nuovo allenatore del Cagliari, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della sfida con la Lazio: "La formazione ce l'ho nella mia testa, preferisco darla ai ragazzi. Ho un altro allenamento domani, poi vedremo. Noi dobbiamo pensare che il nostro obiettivo è la salvezza, dobbiamo fare 34-35-36 punti. Ho detto questo ai ragazzi, a prescindere da chi troviamo davanti. Dobbiamo stare stretti e compatti, voglio aggressività quando abbiamo e non abbiamo la palla, la velocità del pallone fa la differenza. La difesa 3? Sì, è una squadra che ha centrali e le caratteristiche per farlo. Ma va provata, non è una cosa che puoi fare subito così. I terzini? Un po' tutti possono farlo. Padoin, anche se alla Juve giocava più avanti, van der Wiel non è il giocatore visto contro il Genoa, Dessena può farlo. L'unico di ruolo è Gregory, ma deve migliorare fisicamente. Le mie scelte di domani saranno condizionate dalle partite ravvicinate, che sono importanti. Oggi non penso al Benevento, penso alla Lazio. È una gara importante, dobbiamo giocarla. Loro sono forti, ma anche noi siamo forti. Loro di più, ma noi dobbiamo andare lì come squadra e poi vedremo se sono più forti di noi. Il trequartista? A me piace molto, ma con caratteristiche diverse. Ionita potrebbe fare quel ruolo. È il ruolo di Joao Pedro, più forte tecnicamente. Cossu è più fantasista, è più grande, ma negli ultimi 20' può dare tanto. Non è il ruolo di Barella, ma può darci una mano anche lui in quella posizione. Dipende dalle caratteristiche, a me piace cambiare".