Rolando Maran, allenatore del Cagliari, ha parlato a Sky Sport dopo il ko col Napoli: "Il rammarico sta nel non aver portato a casa un risultato positivo. Abbiamo dato tutto, facendo la partita che volevamo. Abbiamo creato con coraggio, senza concedere neanche più di tanto ad un Napoli che di solito crea tanto. Abbiamo perso due difensori nel finale, la fortuna o la sfortuna sta anche in queste cose. Purtroppo è andata così. Mi dispiace tantissimo per i ragazzi, che erano rabbiosi per questa sconfitta, e per i nostri tifosi che ci hanno sostenuto fino alla fine. E' venuta fuori una parabola incredibile al 90' e abbiamo perso".

Perché era così nervoso? "La cosa che mi ha rammaricato è che continuavano ad essere aggiunti dei minuti di recupero sullo 0-0, poi da quando siamo andati sotto abbiamo giocato due minuti e 19 secondi. Questo mi ha fatto arrabbiare molto perché difendo i miei colori e potevamo avere la possibilità di pareggiare. Fa parte dei momenti concitati di campo".

Si aspettava un Napoli senza Insigne e Mertens? "Noi avevamo preparato la partita a prescindere da chi giocasse nel Napoli. Sapevo che qualcuno potesse riposare, ma quando fa alternanza non cambia molto".

Sugli infortuni: "E' un momento un po' così, ci gira male. Ma chi sta andando in campo sta dando un ottimo contributo. Dobbiamo continuare con queste prestazioni maiuscole come con la Roma e come oggi. Probabilmente anche sulla punizione c'è da capire se c'è o no questo fallo. Noi ci abbiamo provato sempre. Dobbiamo continuare così, consapevoli che in gare come questa contro il Napoli c'è chi può deciderla con una giocata".