Commenta per primo

Poche storie: Cagliari-Palermo di domani riveste un'importanza capitale per il futuro dei rossoblù in questo campionato. E' un vero scontro diretto: il tecnico Ivo Pulga lo paragona alla gara con il Genoa di due settimane fa. "Si tratta di un'altra finale e presenta le stesse difficoltà. Il Palermo è una grande squadra, che gioca bene e non merita di certo l'attuale classifica. Il mercato che ha portato nuovi elementi alla corte di Gasperini? Non ci riguarda. Dobbiamo pensare soltanto a noi stessi. Il nostro obiettivo è fornire una grande prestazione: ho detto in tempi non sospetti che il Cagliari, per le sue caratteristiche, deve cercare la salvezza attraverso il gioco".

Il rientro di Cossu dalla squalifica garantisce ai tecnici rossoblù nuove soluzioni e alternative. "Ho ampie possibilità di scelta per quanto riguarda la formazione, specie in avanti. La squadra c'è, ha dimostrato di esserci. Non abbiamo paura: veniamo da due grandi partite, dobbiamo soltanto limare le incertezze in occasioni dei calci piazzati, metterci più attenzione".

E' un campionato equilibrato come raramente lo era stato, nelle posizioni di coda. "Teoricamente tutte le squadre che occupano la seconda metà della classifica potrebbero venire coinvolte nel discorso salvezza. Sarà una lotta difficile che si risolverà nelle ultime battute del torneo".