Commenta per primo
Tutti pazzi per Nicolò Barella. In fondo, come non essere d'accordo alla luce delle prestazioni del gioiellino rossoblù da ormai un anno a questa parte? Se il Cagliari fatica e non poco a trovare la giusta strada, lo stesso non si può dire per il classe '97, che si sta affermando su altissimi livelli partita dopo partita. Il giovane centrocampista sardo già la scorsa estate aveva attirato le attenzioni di alcuni top club italiani, ma dopo l'ottimo avvio nell'attuale stagione e la conseguente - meritata - convocazione in Nazionale maggiore, inevitabilmente la fila di pretendenti si fa sempre più lunga: Inter, Milan, Juve, Roma, Napoli, poi all'estero Manchester City e Psg, ma non solo. Tutte società che hanno puntato con decisione il mirino sul 20enne cagliaritano, pronte a bussare alla porta di Giulini per chiedere maggiori informazioni in vista delle prossime sessioni di mercato.
 
Facile intuire il motivo di tale interesse: Barella, come detto, è tra le note più liete in questo avvio di campionato per il Cagliari, l'unica vera luce in mezzo a tanto buio. Quasi sempre migliore in campo per i rossoblù, protagonista di prestazioni eccelse fatte di corsa, palloni recuperati e giocate di alta classe, impreziosite dalla rete messa a segno al "Mazza" contro la Spal, tre settimane fa, per quello che è stato il suo primo gol in assoluto in Serie A. "Barellino" ormai non è più una sorpresa ma si sta confermando gara dopo gara come una solida e splendida realtà nel centrocampo del Cagliari, rivelandosi una pedina imprescindibile nello scacchiere tattico di Rastelli. D'altra parte, però, le brillanti prestazioni attirano inesorabilmente nuove pretendenti sul mercato e per la società di Giulini potrebbe risultare difficile respingere tutte le offerte che arriveranno a partire dalle prossime settimane. Ma cedere il numero 18 rossoblù a gennaio sarebbe una pura follia, considerato il fatto che sostituire nel mercato di riparazione un elemento della classe e del carisma di Barella, per il Cagliari sarebbe complicatissimo, per non dire impossibile. In estate, però, si potrebbero fare altre valutazioni, soprattutto perché Nicolò è uno dei pochissimi all'interno della rosa isolana che garantirebbe un notevole ritorno economico da un'eventuale partenza. Il Cagliari lo sa bene, così come sa bene che le società interessate al giocatore ci saranno anche a giugno. E allora mettere sul mercato Barella in estate potrebbe essere una soluzione allettante, sfruttando l'asta milionaria che si scatenerà e monetizzando al massimo dalla cessione. Magari partendo da una base di 25 milioni a salire, che permetterebbe al Cagliari di investire saggiamente sul mercato buona parte dell'incasso. Il popolo rossoblù, dal canto suo, spera di poter contare su un top player come Barella per tutto il resto della stagione e soprattutto per il futuro. Ma quando il mercato bussa...