Commenta per primo

Il Cagliari c'è. Con la vittoria esterna contro il Pescara, al termine di una settimana travagliata, i giocatori rossoblù hanno dato un segnale forte del loro attaccamento alla società. Ed hanno avvistato le dirette concorrenti che sarà dura batterli. A Pescara il protagonista è stato Marco Sau, che con la sua doppietta ha raggiunto quota dieci nella classifica marcatori. Ma dietro di lui ci sono due reparti che stanno funzionando alla meraviglia. Soprattutto il centrocampo, dove si temeva che l'assenza di una pedina fondamentale come il capitano Daniele Conti avrebbe potuto creare qualche scompenso, si è comportato egregiamente. E in particolare un giocatore, Albin Ekdal, sta impressionando favorevolmente. 

A soli ventitré anni Ekdal ha già superato il traguardo delle cento partite in serie A (cinquanta con la maglia rossoblù e le altre distribuite tra Juventus, Siena e Bologna). Arrivato a Cagliari nella stagione scorsa, ha avuto un rendimento altalenante, dovuto anche all'avvicendarsi degli allenatori (con Ficcadenti c'era poco feeling, mentre con Ballardini le cose andarono meglio). Ma, pur non partendo quasi mai con i gradi di titolare, il ragazzo svedese si è fatto sempre trovare pronto convincendo la società ad acquistarlo a titolo definitivo dalla Juventus. Anche quest'anno Ekdal non ha il posto fisso. Con Nainggolan e Conti inamovibili, il nazionale svedese si gioca di domenica in domenica la maglia da titolare con Daniele Dessena. E la concorrenza (da una settimana si è aggiunto anche l'uruguaiano Cabrera) sembra non spaventarlo. 

Anzi, di partita in partita Ekdal sta dimostrando di essere un giocatore con i fiocchi e, tenendo conto della giovane età e di conseguenza degli ampi margini di miglioramento, di poter diventare uno dei centrocampisti più forti del campionato. Abile nell'interdizione ma anche nella costruzione del gioco,  bravo nel sacrificarsi e correre per novanta minuti dietro all'avversario ma anche capace di giocate di classe, è il classico giocatore che fa comodo a tutti gli allenatori. Anche per il suo comportamento mai sopra le righe; Pulga e Lopez lo sanno e stanno valorizzando le qualità di questo ragazzo. Chissà se la Juventus sta rimpiangendo la sua cessione...