Commenta per primo

 

A volte anche nelle migliori famiglie si litiga. E' quello che sta succedendo in questi giorni al Milan e a Mediaset, due società che fanno entrambe capo all'impero di Silvio Berlusconi. Difficile che si tratti di una vera guerra, come ha titolato qualche giornale, piuttosto, appunto, di uno di quei bisticci di famiglia destinato a dirimersi presto fra baci e abbracci.

Quel che è successo è che, in seguito al sesto rigore concesso al Milan in questo campionato, domenica contro l'Atalanta, il tecnico rossonero Max Allegri è stato protagonista di un acceso diverbio in diretta tv con il moviolista Mediaset Gianluca Paparesta, ex arbitro. In seguito alla lite, il Milan ha deciso di non concedere interviste esclusive a Sport Mediaset nella settimana in corso, quella che porta al derby di domenica sera con l'Inter.

Mediaset ha replicato con un comunicato: "Con grande rammarico l'assemblea dei giornalisti di SportMediaset deve segnalare pubblicamente un episodio preoccupante sul fronte dei rapporti sport-comunicazione: nella settimana che precede il derby calcistico di Milano, l'Ufficio stampa del Milan ha fatto sapere alla redazione di Sport Mediaset che quest'ultima, contrariamente alla consuetudine, non potrà in questi giorni avere a disposizione interviste a tesserati del club dopo le divergenti valutazioni sul rigore concesso in Atalanta-Milan emerse durante il dibattito televisivo post partita tra l'allenatore rossonero e gli ospiti presenti nello studio di Premium Calcio. L'episodio si qualifica da sé e purtroppo sono sempre più frequenti le ritorsioni delle società di calcio nei confronti dei media che esprimono opinioni non gradite". Il Milan ha poi fatto sapere che, pur potendo farlo, Mediaset non ha posizionato nessuna nessuna telecamera a Milanello nell'allenamento di ieri, aperto alla stampa.

Come ricorda il Corriere della Sera, non è la prima volta che i 'parenti' bisticciano: nel 2002 l'ad rossonero Adriano Galliani attaccò duramente l'opinionista (ed ex attaccante del Milan) Aldo Serena: "Si vergogni", lo apostrofò Galliani.

Ma poi sono arrivati dieci anni di pace, fino a questo nuovo episodio. Un episodio che forse non dispiace troppo al Milan, perché parlando della lite Allegri-Paparesta forse in tanti si dimenticheranno del rigore concesso a Pato, un rigore un po' dubbio, che fa seguito a quello altrettanto dubbio concesso al Milan contro il Siena e a quello, inesistente, concesso al Milan a Bologna...