180
La guerra tra procuratori. L'inchiesta di Calciomercato.com è stata ripresa da Report, che oggi è entrato nell'argomento da noi trattato nelle scorse settimane, soffermandosi sul cambio di procura di Gianluca Scamacca e Dejan Kulusevski, giocatori di proprietà di Sassuolo e Juventus, che hanno lasciato i vecchi agenti per entrare a far parte della scuderia di Alessandro Lucci, il quale avrebbe utilizzato alcuni suoi assistiti per fare pressione sui due: Daniele De Rossi e Leonardo Bonucci. Argomento finito anche nel mirino dell'Assoagenti. 

PARLA DDR - Queste le parole di Daniele De Rossi al programma in onda su Rai 3: "​Non ci ho mai parlato in vita, non ho il numero, non mi ha mai chiamati lui, mai chiesto di farlo. Se trovate qualcosa, una chiamata, un appuntamento per un incontro, un messaggio,  una telefonata, una battuta, un messaggio social, vi stringo la mano e vi dico dite tutto quello che mi pare. Non è la prima voce, l'altra volta mi ha chiamato un procuratore, stessa identica dinamica, ma di un giocatore mai visto in vita mia. Qualcosa sta succedendo. Guerra tra procuratori? Assolutamente, me ne sono accorto, non prendo le parti di nessuno". 
KULUSEVSKI - Di Kulusevski, invece, parla il vecchio procuratore dello svedese: "​Bonucci l'ha spinto a scegliere Lucci come nuovo agente. So al 100% che ha organizzato lui l'incontro, ho conferme anche dalla famiglia". Un argomento, quello del cambio di agente e delle modalità, già attaccato da Donato Di Campli nel corso di una nostra diretta Twitch (QUI). 

LUCCI - Anche Alessandro Lucci, intervistato da Report, ha detto la sua, sul modus operandi: "​Bisognerebbe parlare di quelli che danno soldini per comprare le procure. Io 10 anni fa ci sarei rimasto male per questo cosa. Oggi ti dico: vale la qualunque. Poi ci sta che un ragazzo chieda ai più grandi se sia il caso di cambiare procuratore. E tra i più grandi magari c'è Bonucci".