35
Fabio Capello, allenatore del Jiangsu Suning, ha parlato a Sky Sport dei suoi tempi alla Juventus, soffermandosì in particolar modo su Zlatan Ibrahimovic: "Quando arrivò alla Juve non sapeva calciare in porta. Mino Raiola venne e mi disse: 'Guarda che questo è forte, spacca le mani ai portieri'; io gli risposi: 'Per il momento ha spaccato solo i vetri delle finestre della palestra'. Poi si dedicò a tirare in porta ogni giorno, provando e riprovando, e ovviamente migliorò come sapete tutti. Lo seguivo già ai tempi della Roma, poi la Juve fece un colpo incredibile a prenderlo a 16 milioni di euro, tra l'altro pagabili in quattro rate. All'Ajax avevano deciso che non sarebbe stato un grande giocatore, gli preferirono Mido, più facile da gestire. In effetti qualche scontro lo ebbe anche alla Juventus, ad esempio con Zebina, ma poi tutto fu regolato da Moggi".