Commenta per primo

Poco più di due settimane ed il mercato ufficialmente chiuderà i suoi battenti. Non bisogna essere esperti di calcio per comprendere che il Catania di Vincenzo Montella è ancora in piena fase di allestimento. Si tratta certamente di una situazione inusuale per i colori rossazzurri, dato che solitamente la società etnea cerca di mettere a disposizione del proprio tecnico una rosa completa ben prima del calcio d’inizio ufficiale della nuova stagione.

Non è andata così quest’anno, almeno per quanto concerne il pacchetto arretrato. Le partenze di Silvestre e Terlizzi nel reparto difensivo, non sono state coperte dall’arrivo di nuovi innesti di egual livello, che non facciano rimpiangere i due centrali. I nomi papabili rimangono sempre gli stessi, ma con il passare dei giorni le possibilità di vederli in rossazzurro si affievoliscono. Leonel Galeano ha da poco terminato l’avventura nei Mondiali Under 20 con la sua Argentina ed è pronto a salutare l’Independiente. Se il Catania sembra in pole position, c’è da dire che l’inserimento della Juventus nelle ultime ore non aiuta la trattativa.

Discorso analogo per il centrale francese della Lazio, Mobido Diakitè, che negli ultimi giorni è tornato ad essere accostato al Catania. La società di Claudio Lotito sembrerebbe restia a privarsi del giocatore, considerando che sono state rispedite al mittente le offerte di due club, il Lilla e la Dinamo Zagabria. Per ora Diakitè non dovrebbe muoversi e la Lazio sembrerebbe disposta a riprendere i dialoghi solo a gennaio alla riapertura del mercato.

Resta avvolto nell’incertezza il futuro di Frederik Sorensen. Il giovane difensore danese, corteggiato dal Bologna e dal Catania, dovrebbe lasciare la Juventus in questa sessione di mercato. I dirigenti bianconeri sarebbero pronti ad investire su un nuovo difensore centrale, ed il brasiliano Alex del Chelsea sembrerebbe l’indiziato numero uno, oltre a Galeano. Qualora non arrivasse nessuno, il tecnico juventino Antonio Conte, potrebbe anche decidere di promuovere Sorensen titolare. In realtà, secondo le ultime indiscrezioni, Sorensen sarebbe molto vicino al Bologna nonostante l’arrivo in rossoblù di Andrea Raggi. La Juve sarebbe infatti ben disposta a privarsi del danese, pur di arrivare al centrocampista felsineo Gastón Ramírez.

Chi arriverà allora? Secondo indiscrezioni, la Fiorentina pur di trovare l’accordo con il Catania per Maxi Lopez e non imbarcarsi in investimenti pesanti, avrebbe messo sul piatto il difensore brasiliano Felipe Dal Bello, lo scorso anno in forza al Cesena. Il giocatore potrebbe fare gola agli etnei, ma c’è da battere la concorrenza proprio dei romagnoli che avrebbero proposto ai viola uno scambio con Emanuele Giaccherini.

Detto questo, in porta e a centrocampo ci si muoverà solo in uscita. Terracciano è destinato a partire, nonostante abbia rifiutato il trasferimento all’Ebolitana. Non si muoverà lo storico terzetto formato da Andujar-Campagnaolo-Kosicky. In mediana, Gennaro Delvecchio farà ritorno a Bergamo in quell’Atalanta che quest’anno partirà con sei punti di handicap dopo la sentenza legata al calcio scommesse. Più che probabile lo scambio sull’asse Catania-Brescia fra Fabio Sciacca e Panagiotis Kone: il catanese passerà con la casacca delle rondinelle con la formula del prestito secco, mentre resta definire la modalità di approdo in rossazzurro del calciatore greco (comproprietà o intero cartellino).

Con la sicura cessione di Maxi Lopez alla Fiorentina (entro giovedì l’ufficialità) il Catania dovrebbe aggiungere altri due tasselli nel reparto offensivo, attualmente composto da Catellani, Keko, Lanzafame e Suazo. Proprio l’honduregno, fermo dal 16 maggio 2010, quando disputò con la maglia del Genoa proprio l’ultima gara di campionato a Catania, rappresenta un’alternativa solo in prospettiva, dato che ci vorranno almeno trenta giorni prima di riaverlo almeno in condizione adeguata.

Più che probabile il ritorno di Gonzalo Ruben Bergessio, 13 presenze e 5 gol lo scorso anno. Attualmente ha disputato le prime due gare di Ligue1 con il Saint Etienne partendo da titolare, ma il tecnico dei francesi Christophe Galtier non sembra nutrire particolare stima dell’argentino che, sia contro il Bordeaux che contro il Nancy, è tornato in panchina a pochi minuti dalla riprese delle ostilità.

Ma il candidato numero uno per il ruolo di erede di Maxi Lopez appartiene a Denis Stracqualursi, attaccante 23enne del Tigre. L’argentino è una scommessa in piena regola e nonostante l’esose richieste del club sudamericano, i buoni rapporti con il suo agente, Jorge Cyzsterpille, potrebbe permettere al presidente Pulvirenti di accaparrarselo per una cifra vicina ai 4-5 milioni di euro. Resta comunque da battere l’agguerrita concorrenza di diversi club spagnoli, inglesi e perfino russi. Stracqualursi, con un passato da rugbysta e dopo aver vinto il titolo di capocannoniere dell’Apertura 2010, sarebbe ben contento di arrivare a Catania pur di giocarsi le sue carte ed approdare in Serie A.