48
Il presidente dell'Uefa Aleksander Ceferin ha concesso una lunga intervista a L'Equipe: le sue dichiarazioni.

CHAMPIONS DAVVERO APERTA A TUTTI O SOLO A CLUB RICCHI? - "Non esclude nessuna squadra. Nuovi investitori, vecchi, tutti hanno una possibilità. Il PSG ha giocato un fantastico torneo finale. Sono grandi giocatori e in gran parte meritano la loro carriera".

CLUB STORICI HANNO OSTEGGIATO PSG E CITY? - "Il PSG e il Manchester City stanno facendo un buon lavoro. Il successo del PSG dimostra che si investe nei giocatori giusti, che il club è ben organizzato e che tutto il resto, tutto quello che si dice dietro le quinte, non è molto importante. La UEFA rispetta tutti i suoi club allo stesso modo".

RAPPORTO CON AL-KHELAIFI - "Rappresenta l'ECA (l'Associazione Europea dei Club) nel nostro comitato esecutivo. È un membro importante. Si esprime, suggerisce cose all'interno della nostra organizzazione e ho un ottimo rapporto con lui".

PROBLEMI PERCHE' TRATTA I DIRITTI TV CON L'UEFA? - "È molto semplice: abbiamo bandi di gara chiari e trasparenti. Chi offre più soldi vince l'affare. Anche il fratello o la sorella partecipano alla consultazione, non potranno vincere se non sono i migliori interpreti finanziariamente".

PROBLEMI DI AL-KHELAIFI CON LA GIUSTIZIA SVIZZERA? - "In qualità di avvocato, ho sempre rispettato la presunzione di innocenza. Questa è la chiave. Se qualcuno viene condannato, è una cosa. Ma se è solo coinvolto in un caso che non è stato processato, non significa che abbia fatto qualcosa di sbagliato".

SE TEMEVA L'ANNULLAMENTO DELLE COPPE - "Per niente. Ho sempre pensato che avremmo potuto portare a termine le nostre competizioni. È stata una sfida incredibile. L'UEFA è l'unica organizzazione al mondo, non solo sportiva, che ha organizzato quattro diversi eventi in quattro paesi contemporaneamente durante questa pandemia. Ci è voluto molto lavoro, molto stress e notti insonni, molte discussioni con molti governi. Ma alla fine è un successo".

RIVEDERE LE FINAL 8 IN FUTURO - "Questa 'Final 8' non ha stravolto la Champions League. C'è un grande pregiudizio per le porte chiuse, perché ovviamente l'atmosfera non è la stessa. Ma per il resto i danni non sono numerosi. I quarti di finale e le semifinali, giocate in una sola partita, hanno fornito alcune partite interessanti. Abbiamo avuto un torneo emozionante. La crisi sanitaria ci ha imposto questa soluzione, ma alla fine il feedback che abbiamo è molto positivo".

SENTITA LA STESSA PASSIONE - "Assolutamente. Fatta eccezione per le porte chiuse, che sono un problema. Ma per ritrovare stadi completamente pieni bisognerà aspettare un po'".

RIFORMA CHAMPIONS NEL 2024? - "Onestamente, dall'inizio della crisi sanitaria del Covid-19, non abbiamo assolutamente mai sollevato questo argomento, nemmeno informalmente. Lo faremo probabilmente a settembre".
PERCHE' CAMBIARE? - "È bello avere un 'prodotto' meraviglioso. Puoi cambiare le cose per renderlo ancora più grande. Ma se non cambi nulla, rimane superbo. La mia opinione personale è che dobbiamo parlare con le parti interessate per rendere le nostre competizioni ancora più attraenti. Ma non so davvero in quale direzione andare. Decideremo entro la fine dell'anno o all'inizio del prossimo anno".

PREOCCUPATO DA SUPER LEGA AL DI FUORI DELL'UEFA? - "Quattro grandi club sono in semifinale di Champions League: PSG, Bayern, Lipsia e Lione. In Champions, tutti possono battere tutti. Non ci sono grandi e piccoli, ci sono i bravi e i meno bravi. Una Super Lega europea con 12 o anche 24 club sarebbe una competizione molto noiosa. Quando parlo con i presunti grandi club, non vedo alcun motivo per creare una Super Lega. Ogni tanto uno di loro parla di questo argomento. Ma sanno benissimo che la Champions League è la migliore competizione sportiva del mondo".

PROGETTO DI LEGA TROPPO CHIUSA - "Quello presentato nel 2019? Sono d'accordo. Era troppo chiuso. Ma questo ha avviato la discussione, anche se ci sono state alcune risse ... Il comitato esecutivo UEFA ha il potere di decidere su questo. Ma condurremo un'ampia consultazione".

STOP LIGUE 1 - "La decisione è stata presa troppo in fretta ed era troppo politica. Molti politici francesi hanno detto pubblicamente che la stagione non doveva finire. Ciò che è seguito si è rivelato un errore. Bundesliga, Premier League, Serie A e LaLiga si sono concluse senza preoccupazioni. La UEFA ha rispettato la decisione della Francia, ma la mia opinione personale è che sia stata affrettata".

TIMORE PER LE PARTITE DELLE NAZIONALI IN AUTUNNO? - "Si svolgeranno. Ci stiamo lavorando. Se alcune nazioni non possono giocare in casa, le partite saranno in campo neutro, è fondamentale giocare. Abbiamo contratti con emittenti e dobbiamo rispettarli. Se non potessimo giocare farebbe fallire molte federazioni".

RINVIO EURO 2020 E ACCORCIAMENTO COPPE EUROPEE, QUAL E' L'IMPATTO FINANZIARIO? - "Stiamo calcolando il costo dello spostamento dell'Europeo, ma supererà di gran lunga i 100 milioni di euro. Per le coppe europee siamo ancora in discussione con le televisioni. Ma devono tenere a mente che il pubblico è fantastico. Questo torneo è molto interessante anche se ci sono meno partite. Non sono sicuro che il danno per le emittenti sia grande come alcune persone vogliono che sia".

MILAN E CITY, ESCLUSI DALLE COPPE E SALVATI DAL TAS: IL FAIR PLAY FINANZIARIO E' INAPPLICABILE? - "Il fair play finanziario è stato dimostrato e funziona ancora. È stato creato per arginare le perdite del club e lo ha fatto con successo. Ora dobbiamo passare al calcio europeo, che deve essere più competitivo. Allo stesso tempo, dobbiamo autorizzare nuovi investimenti nel calcio e anche costringere chi investe a sentirsi troppo da condividere".

POSSIBILE PUNIRE CHI VIOLA LE REGOLE? - "Sono stati puniti dal CFCB (Club Financial Control Body). Ma il TAS ha ribaltato alcune decisioni. Questo significa che dovremo cambiare alcune regole? Senza dubbio. Ma questo non significa che non siamo pronti ad agire contro alcuni grandi club".

CRITICHE AL VAR - "Ero più scettico che critico. C'è del buono nel VAR, ma ci sono sempre alcune situazioni poco chiare. Per me, solo perché hai un grande naso o un grande piede non significa che devi essere segnalato... Per le mani, nessuno è d'accordo... Il VAR deve adattarsi gioco d'azzardo".

TOGLIERE IL VAR DALLE COMPETIZIONI UEFA - "Si potrebbe, ma non lo faremo perché il calcio deve avere le stesse regole ovunque".