Commenta per primo
Il Cesena batte 2-1 il Modena, e rimane fino all'ultimo aggrappato alla lotta per la promozione diretta. Il risultato premia i romagnoli, che tuttavia nella seconda parte della ripresa rischiano più volte di farsi raggiungere dagli ospiti, divorandosi al contempo almeno quattro nitide occasioni. Primo tempo sostanzialmente equilibrato, sbloccato soltanto al 45': bella azione corale dei bianconeri con Giaccherini e De Feudis che mettono Ceccarelli in condizione di crossare dalla linea di fondo; Do Prado all'altezza del secondo palo insacca di piatto la sua nona rete stagionale. Ancora Cesena ad inizio ripresa: Ceccarelli mette ancora al centro, Malonga spunta tra Rickler e Tamburini e di testa infila Narciso nell'angolino per il gol del 2-0 al 6'. Il Cesena tira il freno e gli ospiti ne approfittano al 17' con Catellani, che in acrobazia sigla il 2-1 su perfetto assist di Leonardo Colucci. Nell'ultima mezz'ora i romagnoli cercano di amministrare, e pur rischiando in più di un'occasione conquistano tre punti che permettono di sperare fino all'ultimo in un passo falso di Brescia e Lecce. CESENA Tornava in campo dopo un mese Guillerme Do Prado, ed il suo ritorno è coinciso con la nona rete stagionale: 'Di più non potevo certo chiedere; rientrare da un mese di inattività non è semplice e ci è voluto un po' per entrare in partita, poi però il gol è sempre la migliore delle cure. Adesso si deciderà tutto domenica prossima: non siamo padroni del nostro destino, purtroppo, ma cercheremo altri tre punti anche a Piacenza, e al 90' tireremo le somme. Il mio futuro? Per ora penso solo a dare il mio contributo per una promozione che sarebbe fantastica'. MODENA Tornava da ex al 'Manuzzi' il capitano canarino Yuri Tamburini: 'Fa piacere tornare qui, dove sono cresciuto, e sapere di essere ancora apprezzato e benvoluto da tutti. Peccato per la partita, perchè eravamo quasi riusciti a trovare il pari. Ora dobbiamo restare concentrati perchè domenica contro il Gallipoli c'è una salvezza da portare a termine, e credo proprio che questo Modena se la meriti tutta'.