Commenta per primo

 

Curiosa la ricostruzione dei contatti tra la Roma e l’egiziano Naguib Sawiris, rivelata dallo stesso magnate in un’intervista al settimanale Style. «Avevo condotto un’ottima trattativa, Rosella Sensi era d’accordo su tutto. Ma all’ultimo momento la banca mise un veto, sostenendo che voleva tenere la Sensi al vertice della società. Per noi era inaccettabile» . UniCredit non replica ufficialmente, ma fa sapere, del resto era storia già abbastanza nota, che in realtà Sawiris, dopo un iniziale interessamento, non presentò nessuna delle garanzie richieste dalla banca e si ritirò prima che la corsa iniziasse.

Tutto questo, comunque, fa parte del passato. Il presente, invece, dice che la trattativa con il gruppo DiBenedetto procede abbastanza spedita, che sono in corso di definizione i patti parasociali dei contratti, che la prossima settimana servirà a completare tutti i passaggi tecnici prima della firma finale. DiBenedetto segue con attenzione il rilancio affidato a Vincenzo Montella e Gian Paolo Montali, fiducioso che il nuovo corso possa riportare la squadra in zona Champions. Contare anche il prossimo anno sui milioni della Coppa consentirebbe alla gestione americana una partenza in grande stile. Altrimenti, bisognerà fare di necessità virtù.