1823
La Juventus saluta la Champions League. Non basta il 2-1 contro il Lione, non basta la doppietta di Ronaldo, arrivato a 130 gol nella competizione (più uno nei preliminari), a festeggiare è la squadra di Garcia, che all'andata aveva vinto 1-0 grazie al gol di Tousart, venduto all'Hertha Berlino. Partono forte i francesi, che vanno in vantaggio al 12esimo minuto: si insinua in area di rigore Aouar, Bentancur in scivolata prende il pallone, ma il direttore di gara vede un tocco di Bernardeschi precedente e fischia calcio di rigore. Depay glaciale, con un cucchiaio beffa Szczesny

La Juve ci prova, con Bernardeschi, Higuain e Ronaldo, che costringe al miracolo Lopes. Poi è CR7 a segnare dal dischetto: altro rigore dubbio, con Depay che tocca di mano in barriera, ma col braccio attaccato al corpo. Per ​Zwayer è rigore. 1-1 prima della fine del primo tempo, poi nella ripresa la Vecchia Signora carica a testa bassa, con Ronaldo che segna ancora: siluro mancino da fuori area, Lopes non può niente. Il Lione si abbassa, la Juventus ci prova: Bonucci, Higuain e Ronaldo, tutti di testa, tutti imprecisi. Sarri prova anche la carta Dybala, ma la Joya dura 14 minuti: nuovo infortunio muscolare e dentro il giovane Olivieri. La Juventus saluta la Champions agli ottavi, il Lione si guadagna le final eight di Lisbona, dove ad attenderla c'è il Manchester City.
 

RESTATE COLLEGATI SU CALCIOMERCATO.COM AL TERMINE DELLA PARTITA PER LEGGERE L'ANALISI DI GIANCARLO PADOVAN PER 100ESIMO MINUTO