78
Incredibile partita in Austria: il Napoli si impone contro il Salisburgo per 3-2. Una gara emozionante, con continui ribaltamenti di fronte, con azioni pericolose da una parte e dall’altra. Segna Mertens (che raggiunge Maradona), poi risponde Haaland, poi il ritornello si ripete (con Mertens che supera Diego Armando), fino alla terza rete di capitan Insigne, subentrato dalla panchina e autore di uno splendido gesto dopo il gol. Escluso inizialmente dall’undici titolare da Ancelotti, Insigne dopo il gol si è diretto di corsa verso la panchina del Napoli per abbracciare il proprio allenatore. Uno splendido gesto a sancire la pace tra i due, a spegnere le polemiche delle ultime settimane. 


Ancelotti deve rinunciare a Manolas, fermato da un dolore al costato: spazio a Luperto accanto a Koulibaly in difesa. Il Napoli passa in vantaggio con Mertens, che su assist di Callejon trova l’1-0 al 17’. Al 40’, arriva il pareggio dei padroni di casa con Haaland, che su rigore batte Meret (autore di due miracoli in precedenza, uno su Meret e uno su Daka). Si va all’intervallo sull’1-1. Nella ripresa, ancora Mertens per il 2-1. È il 116esimo gol del belga con la maglia del Napoli, quello che vale il sorpasso su Maradona. Ancelotti inserisce Insigne per Lozano al 65’, ma dopo 7’ arriva il pareggio di Haaland, con uno splendido colpo di testa (impreciso Koulibaly nel frangente). Al 73’, il gol vittoria di Insigne, che servito da Mertens segna il 3-1. Arriva il triplice fischio dell’arbitro: il Napoli è in testa al girone a 7 punti, segue il Liverpool a 6. Il Salisburgo è a 3, al terzo posto.

A FINE PARTITA RESTA SU CALCIOMERCATO.COM PER LEGGERE L'APPROFONDIMENTO DI FRANCESCO MAROLDA PER 100ESIMO MINUTO.