130
Prosegue anche nella stagione 2020-2021 l’appuntamento della nostra rubrica SOS Arbitri con Massimo Chiesa. L'ex arbitro internazionale, in esclusiva ai microfoni di Calciomercato.com, mette sotto la lente d'ingrandimento i principali casi da moviola di ciascuna giornata di Serie A, gli aspetti positivi (ove vi siano) e assegna i voti agli arbitri del massimo campionato italiano. Di seguito il riepilogo degli episodi contestati della 22a giornata di Serie A:


VOTI E GIUDIZI AGLI ARBITRI della 22a giornata (SENZA L’AUSILIO DEL VAR):

Bologna-Benevento: Ghersini 6 (Var Orsato). “Ordinaria amministrazione”.

Cagliari-Atalanta: Piccinini 6 (Var Nasca). “L’arbitro viene salvato dal Var sul contatto Rugani-de Roon al 94’: prima fischia il rigore per il Cagliari, poi giustamente cambia la decisione dopo aver rivisto al Var l’azione. De Roon anticipa Rugani arrivando sulla palla, è il difensore a calciare l’avversario”.

Crotone-Sassuolo: Pezzuto 5,5 (Var Di Bello). “Al 42’, l’arbitro non vede la carica di Djidji su Consigli prima del gol di Di Carmine: salvato dal Var in questo frangente, è giusto annullare la rete. Al 47’, invece, Pezzuto si accorge del calcio di Golemic su Locatelli in area e assegna direttamente il rigore”.

Verona-Parma: Massimi 5,5 (Var Massa). “Giusto concedere il rigore al Parma al 5’ per l’intervento falloso di Silvestri ai danni di Karamoh. Provvidenziale la chiamata del Var Massa, visto che Massimi aveva lasciato correre il gioco”.
Inter-Lazio: Fabbri 6,5 (Var Irrati). “Giusto il rigore concesso all’Inter per il fallo su Lautaro Martinez: Hoedt da dietro in scivolata prima colpisce l’avversario (con la gamba destra) e solo dopo il pallone (con la sinistra). Giusto anche il giallo e non il rosso: è una chiara occasione da gol, ma Hoedt va con l’intenzione di colpire la palla. Sul 2-0 nerazzurro, Lukaku è tenuto in gioco, sulla carambola Brozovic-Lazzari, da Patric. Se il belga fosse stato al di là dell’ultimo difensore della Lazio al momento del tocco di Brozovic, la rete sarebbe stata da annullare perché quella di Lazzari non è catalogabile come una giocata. Al limite le proteste di Hakimi dopo il giallo”.

Napoli-Juventus: Doveri 6 (Var Valeri). “Al 28’ del primo tempo il Napoli calcia una punizione, la palla arriva a centro area dove Chiellini, per prendere posizione e difendere l’uscita di Szczesny, allarga il braccio e con la mano aperta colpisce sul volto Rrahmani. Decisivo l’intervento del Var, che segnala all’arbitro l’episodio: dopo aver controllato le immagini, giustamente Doveri concede il rigore. Al 37’ Di Lorenzo, già ammonito per fallo su Chiesa, viene nuovamente saltato dall’esterno bianconero e lo tocca appena sul braccio: il giocatore della Juve si ferma immediatamente, Doveri fa bene a lasciar proseguire. Troppo lieve il contatto per essere sanzionato col secondo giallo”.

Roma-Udinese: Giacomelli 6,5 (Var Banti). “Deulofeu chiede un rigore al 10’, ma è giusto lasciar proseguire il gioco: il contatto con Cristante è lieve e non da penalty. Al 25’, corretta anche l’assegnazione del rigore per la Roma: Musso in uscita bassa aggancia Mkhitaryan col piede sinistro. Giusto annullare il gol di Pellegrini al 29’ per il fallo di Mkhitaryan su Larsen”.

Sampdoria-Fiorentina: Maresca 6,5 (Var Pairetto). “Buona gestione disciplinare da parte dell’arbitro, che è in ripresa dopo qualche prestazione insufficiente”.

Spezia-Milan: Chiffi 6 (Var Mazzoleni). “Al 79’ protesta il Milan per una presunta trattenuta su Ibrahimovic in area di rigore a seguito di una punizione calciata dalla sinistra da Calhanoglu: giusto lasciar proseguire il gioco, non ci sono i margini per concedere un rigore”.

Torino-Genoa: Pasqua 6 (Var Di Paolo). “Direzione di gara senza sbavature”.