291
Prosegue anche nella stagione 2020-2021 l’appuntamento della nostra rubrica SOS Arbitri con Massimo Chiesa. L'ex arbitro internazionale, in esclusiva ai microfoni di Calciomercato.com, mette sotto la lente d'ingrandimento i principali casi da moviola di ciascuna giornata di Serie A, gli aspetti positivi (ove vi siano) e assegna i voti agli arbitri del massimo campionato italiano. Di seguito il riepilogo degli episodi contestati della 17a giornata di Serie A:


VOTI E GIUDIZI AGLI ARBITRI della 17a giornata (SENZA L’AUSILIO DEL VAR):

Benevento-Atalanta
: Manganiello 6 (Var Calvarese).

Fiorentina-Cagliari: Giacomelli 5 (Var Banti). "Direzione di gara insufficiente, Giacomelli non convince e anzi, sembra quasi in smobilitazione. L'arbitro al 26’ sbaglia la valutazione sul rigore concesso e poi tolto alla Fiorentina: nel contrasto Oliva-Vlahovic è il giocatore della Fiorentina a calciare il piede del centrocampista del Cagliari (episodio molto simile a quello di Milan-Torino). Decisivo l'intervento del Var. Netto, invece al 36’ il rigore per il Cagliari: Joao Pedro anticipa Igor che lo stende in area".

Genoa-Bologna: Doveri 6 (Var Mariani).

Juventus-Sassuolo: Massa 6,5 (Var Chiffi). "Al 44', fallo di Obiang su Chiesa: in velocità Massa lo giudica da giallo. Giusto l'intervento del Var Chiffi per mandarlo al monitor: Obiang colpisce nettamente la caviglia di Chiesa, il rosso diretto è corretto. Al 65’ Consigli finisce su Cristiano Ronaldo nell'area del Sassuolo: giusto lasciar proseguire, il portiere era già in volo quando c'è lo scontro con CR7".
Milan-Torino: Maresca 5,5 (Var Guida). "Al 32’ il primo caso della partita di San Siro col contatto Belotti-Brahim Diaz. Maresca lascia giocare valutando il tocco di Belotti sul pallone, ma qui il Var Guida lo manda al monitor. Dopo una lunga review, l'arbitro giustamente decide di concedere il rigore per il Milan. Il contatto è da penalty. Corretto anche il secondo intervento del Var, per togliere un rigore al Torino: Tonali occupa la posizione, non commette fallo su Verdi. È proprio quest'ultimo infatti a colpire il giocatore del Milan. Al limite, infine, il giallo per simulazione a Leao che era diffidato: ammonizione rigida".

Parma-Lazio: Pairetto 6 (Var Di Paolo). "Direzione di gara lineare dell'arbitro: giusti anche i provvedimenti disciplinari presi".

Roma-Inter: Di Bello 6,5 (Var Mazzoleni). "Partita dal coefficiente di difficoltà altissimo, diretta bene dall’arbitro Di Bello, che lascia giocare le due squadre e interviene solo quando necessario (uniforme il metro di giudizio utilizzato). L’arbitro parte bene, con il primo episodio subito prima dell’1-0 di Pellegrini: l’Inter protesta, ma Veretout porta via in modo pulito il pallone a Barella. Al 43’ giallo severo per Lukaku: l’intervento su Smalling è scomposto, ma il belga prende prima la palla. Giusto non concedere rigore all’Inter per l’entrata di Ibanez su Lautaro, che calcia davanti a Pau Lopez e cade dopo essere stato leggermente sbilanciato. Regolare, infine il 2-2 della Roma: Mancini prende posizione e non commette fallo su Skriniar”.​

Spezia-Sampdoria: Piccinini 6 (Var La Penna). "Thorsby spinge Pobega in area, il rigore concesso allo Spezia è corretto".

Udinese-Napoli: Pasqua 6 (Var Nasca). "Var decisivo nel match tra Udinese e Napoli: al 13’ contatto Bonifazi-Lozano in area. Il direttore di gara lascia correre, ma viene richiamato al monitor dal Var Nasca e cambia idea, concedendo giustamente il rigore. Il difensore dell’Udinese piomba in modo irruente sull’avversario, dopo essere stato anticipato: fallo netto e decisione giusta".

Verona-Crotone: Massimi 6 (Var Valeri).